Autoricambi clandestini: scoperto a Varese deposito abusivo

La parte del leone la fanno pneumatici e ricambi di carrozzeria come cofani, fari, porte, parafanghi e cerchioni, ma nei depositi abusivi trovati a Luino in provincia di Varese erano presenti anche motori completi: un vero e proprio grande magazzino di autoricambi con i pezzi delle grandi marche, pronti per essere venduti a normali clienti.

È stato scoperto giovedì scorso dai finanzieri della compagnia di Luino un deposito clandestino di parti di ricambio di auto e moto che, dopo una rapida attività info-investigativa, sono stati localizzati all’interno di un complesso residenziale, in due box auto interrati, intestati a terze persone ma in effettivo uso ad un cittadino di origine polacca.

Il cittadino polacco utilizzava i due box auto come sistemazione d’emergenza ed i finanzieri lo hanno trovato in possesso di migliaia parti di auto: un rifornimento degno di un grande negozio di autoricambi, di cui il cittadino polacco non è riuscito a fornire alcuna spiegazione.

I ricambi venivano venduti in nero e senza rilasciare alcuno scontrino fiscale. Per questo i prezzi erano notevolmente concorrenziali rispetto a quelli di mercato e la coda di clienti – creata con il passaparola e con l’utilizzo di internet – si i era fatta davvero folta.

Sono tutt’ora in corso indagini di polizia giudiziaria al fine di stabilire l’esatta provenienza dei ricambi e ricostruire la natura dei rapporti esistenti tra i rivenditori ed alcuni ladri d’auto ed altri “incauti” clienti, non tralasciando la circostanza che possano provenire dalla vicina Svizzera.
Inevitabile per il cittadino polacco la denuncia a piede libero per il reato di ricettazione.

Rimane invariato l’appello a fare attenzione a questo tipo di ricambi non tracciabili, specie per i professionisti dell’autoriparazione, comunque responsabili civilmente e penalmente della riparazioneeseguita.

Troppi incidenti, l’Unione Industriali riporta le aziende a scuola guida

I dati dell’ultima rilevazione: a Varese, in un anno, si registrano 1.360 infortuni per incidenti con mezzi di trasporto. Tra le maggiori cause dei sinistri c’è la distrazione alla guida, il mancato rispetto delle precedenze e la velocità

Gli incidenti stradali (foto di repertorio) sono una, se non la, principale causa di incidenti sul lavoro. Per questo l’Unione degli Industriali della Provincia di Varese ha voluto riportare le aziende a scuola di guida. Quella andata in scena questa mattina nella Sede di Gallarate dell’associazione datoriale, nell’ambito del ciclo inFORMARSI, corsi di aggiornamento gratuiti per le imprese del territorio. Imprenditori, dipendenti, dirigenti, responsabili e rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza: una cinquantina i presenti in sala per prendere appunti sui comportamenti al volante, sulle nuove tecniche di apprendimento per una guida più responsabile, per capire come, nella pratica, è possibile ridurre ulteriormente i numeri dei sinistri, già in calo, ma sempre molto alti.
I dati sono stati illustrati da Francesco Bianchi del Gruppo CMB Consulting, società di consulenza e formazione in ambito sicurezza, qualità e ambiente: “Gli infortuni da RCA Auto – ha affermato – costituiscono la quota relativa prevalente degli infortuni complessivi censiti dalla banca dati pubblica: 46,2% nel 2012, contro il 25,5% degli infortuni lavorativi”. Per questo l’Unione Industriali si è data l’obiettivo di arginare il fenomeno: “Sicurezza sul lavoro, è anche sicurezza stradale. A sua volta legata strettamente all’educazione al codice della strada. Come sempre la principale arma che possiamo usare – ha spiega Gabriele Zeppa, responsabile dell’Area Sicurezza dell’Unione Industriali – è quella della formazione. Fronte sul quale opereremo con l’avvio nei prossimi mesi di corsi di guida sicuri che verranno tenuti, anche con il finanziamento del fondo interprofessionale Fondimpresa, dalla nostra società di servizi alle imprese SPI – Servizi e Promozioni Industriali Srl”.
Obiettivo: contribuire, per quanto possibile, a far calare numeri che rimangono da brividi. In Italia gli incidenti stradali sono stati nel 2012 (ultimo dato definitivo disponibile) 186.726, per un totale di 3.653 morti e 264.716 feriti. Il calo, rispetto ai livelli del 2001, è stato del 48,5%. Ma il valore assoluto rimane da bollettino di guerra, con una cifra di 60 decessi sulle strade ogni milione di abitanti.
Le cause principali? Nel 16,6% la guida distratta, nel 16,2% il non rispetto del semaforo o delle precedenze, nell’11,2% la velocità, nel 10,2% il mancato rispetto della distanza di sicurezza, nel 7,7% manovra irregolare.
Incidenti che molto spesso avvengono per gli spostamenti legati al proprio lavoro. In Provincia di Varese, nel 2012, si sono registrati 1.032 infortuni sul lavoro in itinere. Ossia quelli che avvengono sui mezzi di strasporto mentre ci si reca o si ritorna dall’ufficio o dal luogo della propria occupazione. Sinistri che sono stati causa, sempre nello stesso anno, di 946 lesioni temporanee, 80 lesioni permanenti, 6 decessi. Altro fenomeno è quello degli incidenti con mezzi di trasporto usati durante gli orari di lavoro, o per trasferimenti legati alle proprie mansioni, o perché la mansione stessa consiste nella guida, come nel caso dei camionisti. In questo caso nel 2012 si sono registrati nel Varesotto 328 sinistri con 309 conseguenti lesioni temporanee, 19 lesioni permanenti e nessun decesso.

Truffa alle assicurazioni in aula ben 108 imputati

brindisi palazzo  BRINDISI – Un altro capitolo delle tante presunte truffe alle assicurazioni si è aperto ieri mattina nel tribunale di Brindisi. Cento e otto gli imputati, tra i quali tre avvocati. Riguarda l’operazione che il 20 luglio del 2010 fu effettuata dalla Polizia stradale di Brindisi. In carcere il presunto capo del gruppo, Angelo Balestra, un carrozziere con officina in via Aniene a Brindisi, il fratello Luciano Balestra, ex dipendente dell’ospedale Perrino, e Pancrazio Vergari, di Cellino San Marco, proprietario di un’officina sempre a Cellino. Ai domiciliari, invece, Angelo Rollo, operaio in un’autocarrozzeria nella zona industriale, Massimo Martucci, Maurizio Rillo e Gianluca Palma, tutti di Brindisi. Tutti gli altri furono denunciati a piede libero.

Trentasei gli incidenti stradali ritenuti fasulli. Il processo è stato aggiornato dopo che il giudice ha sciolto la riserva su una eccezione sollevata dall’avv. Fabio Di Bello.
Gli imputati sono: Rocco Andriulo di Brindisi; Antonio Antico di Ceglie Messapica; Giuseppe Bagnato, di Brindisi; Angelo Balestra, di Brindisi; Luciano Balestra, di Brindisi; Andrea Barbonetti, di Brindisi; Silvia Bellino, di Brindisi; Benedetto Blasi, di Brindisi; Luigi Blasi, di Brindisi; Laerte Braga, di Brindisi; Annamaria Buccarella di Brindisi; Eupremio Canario, di Brindisi; Antonella Castellana, di Brindisi; Iordanka Keranova, bulgara residente a Bologna; Angelo Chiatante, di Brindisi; Carmelo Ciullo, di Brindisi; Stefano Ciullo, di Brindisi; Assunta Corlianò, di Brindisi; Marco D’Aversa, di Brindisi; Giovanna De Fazio, di Brindisi; Massimo De Fazio, di Brindisi; Maria De Leo, di Brindisi; Antonio De Salvo, di Brindisi; Giuseppe De Tommaso, di Brindisi; Salvatore Del Monte, di Brindisi; Francesco Della Giorgia, di Brindisi; Vincenzo D’Ignazio, di Brindisi; Francesco Elia, di Mesagne; Mario Epifani, di Brindisi; Nicola Fabrizio, di Cellino San Marco; Angelo Fortunato, di San Pietro Vernotico; Luca Fortunato, di San Pietro Vernotico; Concetta Francioso, di Brindisi; Francesco Fraticelli, di Brindisi; Barbara Fusco, di Tricase (Lecce); Domenico Gaudino, di Brindisi; Francesco Giglio, di Brindisi; Antonio Greco, di Brindisi; Roberto Greco, di Brindisi; Archimede Guadalupi, di Brindisi; Federica Guerra, di Brindisi; Carlo Landolfa, di Brindisi; Marco Lavino, di Brindisi; Sara Lazoi, di Brindisi; Luigi Leo, di Copertino, Lecce; Massimiliano Leo, di Copertino; Cosima Libardo, di Brindisi; Alessandro Licastro, di Brindisi; Roberto Licastro, di Brindisi; Angela Ligorio, di Brindisi; Sandra Litti di San Pietro Vernotico; Riccardo Lodedo, di Ostuni; Gennaro Lovecchio, di Brindisi; Alessandro Manni, di Brindisi; Angela Marra, di Cellino San Marco; Cristian Martina, di Mesagne; Massimo Martucci, di Brindisi; Giuseppe Mazza, di Brindisi; Vito Miceli, di Brindisi; Manuel Mignogna, di Alatri (Frosinone); Anna Muccio, di Brindisi; Ilaria Muccio, di Brindisi; Giovanna Murgia, di Brindisi; Damiano Napolitano, di Brindisi; Gianluca Narcisi, di Brindisi; Antonio Olimpio, di Brindisi; Vittorio Olimpio, di Brindisi; Giuseppe Ordinanza, di Brindisi; Gianluca Palma, di Brindisi; Diego Perrone, di Brindisi; Cosimo Pignataro, di Brindisi; Cristian Quarta, di Varese; Giuseppina Quarta, di Brindisi; Antonio Ragusa, di Brindisi; Mauro Rametta, di Brindisi; Pietro Randino, di Brindisi; Maurizio Rillo, di Brindisi; Antonio Rizzello, di Veglie (Lecce); Carmine Rizzello, di Lecce; Angelo Rollo, di Brindisi; Maria Rollo, di Brindisi; Giuseppina Romanelli, di Brindisi; Paola Rosa, di Brindisi; Daniela Rosafio, di Brindisi; Santino Rosafio, di Brindisi; Giuseppina Rospi, di Brindisi; Marco Rospi, di Brindisi; Federico Sarcinella, di Brindisi; Gianluca Schirinzi, di Brindisi; Luigi Salvatore Sergi, di Brindisi; Gianluca Sgura, di Brindisi; Angelo Spagnolo, di Brindisi; Filomena Turi, di Brindisi; Antonio Vergari, di Brindisi; Pancrazio Vergari, di Brindisi; Fabio Vinci, di Brindisi; Angelo Zimbari, di Cellino San Marco; Davide Zimbari, di Mesagne; Elvira Zullino, di Brindisi; Gianluca Re, di San Donaci; Silvestro Tafuro, di Brindisi; Ivano Nani, di Brindisi; Luana Curto, di Brindisi; Luca Altavilla, di Brindisi; Damiano Licciulli, di Brindisi; Roberta Lamarina, di Brindisi; Anna Manni, di Brindisi; Andrea Iunco, di Brindisi. [Pi. Arg]

L’Europa lancia il progetto HeERO per promuovere l’eCall

Per promuovere il sistema eCall, obbligatorio dal 2015 sulle nuove auto, nove Paesi europei e 40 partner pubblici e privati hanno dato vita al progetto europeo HeERO. E l’ACI ha già presentato i risultati di un progetto pilota. Con la partecipazione del Presidente della regione Lombardia Roberto Maroni, ieri alla manifestazione Smart Mobility Word tutti i protagonisti hanno illustarto quanto è stato fatto.

Roberto Maroni a Smart Mobility Word

Roberto Maroni a Smart Mobility Word

Salvare fino 2.500 vite umane ogni anno sulle strade d’Europa e risparmiare oltre 20 miliardi di euro di spesa sociale, riducendo fino al 50% i tempi di intervento dei servizi di emergenza a seguito di incidente: questi gli obiettivi del sistema eCall, obbligatorio dal 2015 su tutte le auto di nuova immatricolazione.
Per promuovere il sistema eCall e calibrarne la messa a punto, nove Paesi europei (Italia, Croazia, Repubblica Ceca, Finlandia, Germania, Grecia, Olanda, Romania e Svezia) con 40 partner pubblici e privati tra case automobilistiche, operatori automotive e operatori di telefonia mobile hanno dato vita al progetto europeo HeERO (Harmonised eCall European Pilot), cofinanziato dalla Commissione Europea.

Nel progetto HeERO sono schierati per il nostro Paese l’ACI insieme alla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento per la Digitalizzazione e l’Innovazione tecnologica nella Pubblica Amministrazione), Magneti Marelli, CRF Centro Ricerche Fiat, Telecom Italia e AREU (Azienda Regionale Emergenza Urgenza – Piemonte).

Le potenzialità di HeERO sono state illustrate ieri a Torino in occasione della prima edizione di Smart Mobility World. In questo ambito ACI ha presentato i risultati di un progetto pilota per la sperimentazione del sistema eCall nel nostro Paese, il cui obiettivo è stato quello far emergere le criticità da risolvere per lo sviluppo su tutto il territorio nazionale del sistema. Il test ha visto impegnato nelle scorse settimane un campione di soci ACI Varese, ai quali è stato fornito gratuitamente il dispositivo eCall per simulare alcune situazioni di emergenza con l’attivazione manuale o automatica delle richieste di assistenza. La sperimentazione ha avuto pieno successo: il 90% delle richieste di soccorso è andato a buon fine con un tempo medio di comunicazione centrale operativa – vettura di 15-20 secondi. A Varese ACI ha testato in anteprima nazionale anche sistemi di bCall, in grado di gestire richieste di assistenza stradale a seguito di guasto meccanico. Il 74% di queste tipologie di chiamate si è completata in soli 11 secondi.

PER INFO
Heero

proposta collaborazione

Da:
Data: 26 luglio 2013 11:52:48 CEST
A:
Oggetto: proposta collaborazione

Buon giorno volevo proporre la mia candidatura per eventuale collaborazione per perizie auto, rami elementari.
Copro la zona della provincia di Varese e parte Nord Milano per quanto riguarda le perizie Rami Elementari ed Auto, mentre il lago di Como ed il lago Maggiore per quanto riguarda le perizia nautiche.
Di seguito i miei riferimenti per eventuale contatto, nel caso invierò dettagliato C.V.
Perito Riccardo Di Lorenzo
n° ruolo P000005903 già n°6613
cell. 3408653596
mail dilorenzoriccardo71@gmail.com
fax 0332/359977
distinti saluti Riccardo Di Lorenzo