Maxi truffa alle assicurazioni: 8 arresti, anche medici e avvocati, 139 indagati

Coinvolti professionisti e i dottori del Santissima Annunziata. Oltre due milioni di euro il danno per 18 compagnie

L’organizzazione simulava incidenti stradali per incassare i risarcimenti dalle Compagnie assicurative e organizzavano le truffe in maniera scientifica. C’era chi reclutava gli automobilisti, chi istruiva la pratica, chi forniva il certificato medico, chi seguiva l’iter fino alla liquidazione del sinistro. La messinscena era davvero plateale: diversi indagati, ignari della presenza dei poliziotti in borghese che avevano iniziato a indagare sul raggiro, entravano in ospedale camminando normalmente e poi uscivano dal pronto soccorso zoppicando.

La presunta organizzazione criminale avrebbe truffato 17 Compagnie utilizzando sempre lo stesso metodo. Sono 25 gli incidenti finti documentati fino a questo momento, ma altre pratiche sono in via di accertamento. L’unico indagato condotto in carcere è Saverio Palumbo, di 48 anni, ritenuto la ‘mente’ della maxi-truffa, che tesseva la rete dell’organizzazione. Un ruolo determinante, secondo gli inquirenti, veniva svolto da Giuseppe Ax, di 61 anni, capo tecnico radiologo, in servizio nel reparto di radiologia dell’ospedale, il quale avrebbe predisposto esami diagnostici contraffatti (Tac ed Ecg) per attestare l’aggravamento della prognosi. Due avvocati, il 42enne Andrea Tagliente e il 37enne Gianfranco Trani, avrebbero curato le pratiche e istruito i soggetti coinvolti nei falsi sinistri anche in relazione alle risposte da dare agli inquirenti nella fase culminante dell’attività investigativa.

Tra gli altri destinatari della misura cautelare figurano un portantino del pronto soccorso dell’ospedale, un autista di ambulanze di un’associazione di volontariato e un ex dipendente di una farmacia di Taranto. Dalle intercettazioni telefoniche e ambientali è emerso che l’organizzazione indicava con il termine ‘partita di calcio’ la data dell’accesso al pronto soccorso, con il termine ‘allenatore’ il medico di turno che avrebbe rilasciato la documentazione sanitaria, mentre con la parola ‘maglietta’ si faceva riferimento al referto medico. Il comandante della locale sezione della Polstrada, Giacomo Mazzotta, ha parlato di una vera ‘piaga sociale’ da debellare, mentre il Codacons ha annunciato che si costituirà parte civile.

fonte

vedi anche

Truffa alle assicurazioni, 5 persone nella rete della Polstrada

Manduria BLASI MARCELLO1 e1416485142730 Truffa alle assicurazioni, <span style=color: #E80000;>un manduriano nella rete</span> della Polstrada

MANDURIA – Alle prime ore dell’alba, agenti della Polizia Stradale di Taranto, in collaborazione con le squadre dei compartimenti di Bari e Milano hanno eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettante persone ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ed al falso. I cinque, quattro uomini e una donna, tutte del tarantino, avrebbero gestito un commercio di assicurazioni false che vendevano attraverso una rete internet. Presentandosi come fiduciari di grosse compagnie assicurative, i presunti truffatori vendevano polizze auto della durata di cinque giorni.

Gli arrestati sono: Marcello Blasi, 45 anni manduriano (nella foto), Tommaso Perniola di 44 anni di Gioia del Colle(Ba), Francesco Annicchiarico 72 annidi Grottaglie, Pierpaolo Scatigna 43 anni di Taranto e Jiulia Lukianovica, 26 anni di nazionalità lettone.

La truffa si è scoperta a seguito di un incidente stradale con una vittima avvenuto in provincia di Taranto. In quel caso l’automobilista che provocò l’incidente mortale era assicurato con la falsa compagnia di assicuratori finiti oggi in carcere.

Gli arrestati, insieme ad altri otto soggetti, residenti sul territorio nazionale, sono indagati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa a danno sia di ignari cittadini che di numerosissime compagnie assicurative nazionali.

L’attività investigativa, ha avuto inizio nel giugno 2013 a seguito dei rilievi di un sinistro stradale, espletati dal personale del distaccamento di Polizia Stradale di Manduria che ebbe purtroppo   esito mortale.

In tale circostanza, emergeva che il veicolo responsabile dell’incidente risultava provvisto di una polizza assicurativa provvisoria falsa, compromettendo di fatto il buon esito del risarcimento civile ed aggravando gli effetti del sinistro stesso.

I siti internet attraverso i quali avveniva la vendita delle assicurazioni taroccate (http://www.playitalia.it , http://www.playitalia.eu ,http://www.siamosicuri.net), venivano ampiamente pubblicizzati attraverso gli organi di stampa e mediante banner pubblicitari ubicati all’interno di alcuni stadi di calcio, anche in occasione di eventi sportivi riguardanti squadre di serie A, ed anche in occasione dell’incontro della nazionale italiana di calcio “Italia – Armenia” del settembre 2012.

La commercializzazione “al dettaglio” delle false polizze assicurative avveniva con la collaborazione di consapevoli, o in talune circostanze ignare, agenzie di pratiche automobilistiche.

L’organizzazione si avvaleva di una vera e propria struttura parallela alle reali compagnie assicurative, attraverso la creazione di un call-center telefonico, in grado di dissimulare la verifica sulla polizza assicurativa e quindi sterilizzare eventuali controlli delle forze dell’ordine.

Le regioni italiane interessate dalla truffa, emerse durante la fase investigativa, risultavano essere in particolar modo la Sicilia, la Calabria, la Puglia, il Friuli Venezia Giulia, la Campania e la Toscana.

L’analisi del numeroso materiale informatico sequestrato, tra cui personal computer, tablet e smartphone, permetteva di accertare la commercializzazione di oltre seicento polizze false, per un valore di qualche milione di euro.

FONTE: www.lavocedimanduria.it

richiesta di iscrizione

gregoriopersico@libero.it gregoriopersico@libero.it

13:07 (1 ora fa)

info
Spett.le PERITI AUTO,

sono il per. ind. Gregorio PERSICO iscritto al Ruolo Nazionale dei Periti
Assicurativi.
Avendo avuto la possibilita’ di apprezzare il Vs. impegno per la categoria
tramite la Vs. piattaforma, con la presente chiedo di essere iscritto al sito,
elencando di seguito i miei dati:
nome e cognome: Gregorio PERSICO
data di nascita: 28/12/1961
luogo di nascita: Taranto
numero iscrizione: p000002312
sede operativa: Taranto
e-mail: gregoriopersico@libero.it
Grazie

Spett.le PERITI AUTO,

l giorno 17 aprile 2014 13:07, gregoriopersico@libero.it <gregoriopersico@libero.it> ha scritto:

Spett.le PERITI AUTO,

sono il per. ind. Gregorio PERSICO iscritto al Ruolo Nazionale dei Periti
Assicurativi.
Avendo avuto la possibilita’ di apprezzare il Vs. impegno per la categoria
tramite la Vs. piattaforma, con la presente chiedo di essere iscritto al sito,
elencando di seguito i miei dati:
nome e cognome: Gregorio PERSICO
data di nascita: 28/12/1961
luogo di nascita: Taranto
numero iscrizione: p000002312
sede operativa: Taranto
e-mail: gregoriopersico@libero.it
Grazie

 

Incidenti stradali Puglia in testa È boom di falsi sinistri

Spetta alla Puglia la maglia nera per il maggior numero di incidenti stradali con feriti. Lo racconta la relazione dell’associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (Ania) in una relazione pubblicata il 25 giugno 2013 sulla situazione degli ultimi anni vissuti dalle compagnie in Italia. Nella classifica nazionale sul numero di «sinistri con lesioni » avvenuti tra il 2009 e il 2011, le province pugliesi occupano addirittura le prime quattro posizioni: al vertice c’è la provincia di Taranto, seguita da quella brindisina, poi la provincia di Foggia e al quarto posto quella di Lecce. Bari si piazza al nono posto, mentre la Bat è 11esima.

Stando ai numeri si potrebbe dedurre che nelle strade pugliesi il rischio di essere coinvolti in incidenti è decisamente più alto che in altre province d’Italia. In realtà su questo dato incide pesantemente il fenomeno degli incidenti falsi. Sinistri fasulli studiati molto spesso tavolino per ottenere i rimborsi dalle compagnie. Un illecito che negli anni ha raggiunto livelli incredibili e che, soprattutto, è diventato il business preferito di vere e proprie holding del malaffare. A testimoniarlo, ad esempio, ci sono le numerose inchieste che a Taranto hanno coinvolto circa 500 persone tra automobilisti, periti, medici e avvocati. Organizzazioni, insomma, che secondo le indagini condotte dalla squadra di polizia giudiziaria della Polizia Stradale di Taranto si sono dedicate «stabilmente alle truffe ai danni delle società di assicurazioni». C’era chi reperiva le auto, chi si occupava delle pratiche legali, chi si interessava delle diagnosi e chi, infine, provvedeva a liquidare il danno.

Un sistema che, di fatto, ha messo in ginocchio le compagnie che hanno dovuto alzare i prezzi delle tariffe che nel capoluogo ionico, ad esempio, sono mediamente doppie rispetto al resto d’Italia. Dopo l’intervento della magistratura, il fenomeno, sembra decisamente in calo, ma le tariffe restano comunque alte, perché gli automobilisti meno abbienti hanno scelto di circolare senza copertura e i danni causati da veicoli non assicurati vengono risarciti dal Fondo vittime della strada che attinge a sua volta dalle compagnie che, infine, si rifanno sugli automobilisti. Un cane che si morde la coda, insomma, e alleggerisce le tasche dei cittadini onesti.

di FRANCESCO CASULA 

Taranto: Falsi incidenti stradali, 180 a giudizio

Schermata-12-2456277-alle-19-3.58.37-300x197  (ANSA) – TARANTO – Oltre 180 persone sono state rinviate a giudizio dal gup di Taranto Martino Rosati per truffa ai danni di società di assicurazioni. Tra gli imputati ci sono anche quattro avvocati e tre liquidatori della società Sinextra che il 14 dicembre del 2010 furono tra i 31 arrestati. Secondol’accusa, gli imputati simulavano incidenti stradali (bici tamponate o pedoni investiti) per ottenere i risarcimenti. Una truffa da un milione e 210mila euro accertata dalla Polstrada.

I FURBETTI DELLA RC AUTO

Allarmi sociali

 Allarmi sociali

Quattroruote lo dice da tempo: sono in aumento le vetture che circolano prive di assicurazione obbligatoria. L’operazione di ieri della Polizia Stradale, che ha visto il sequestro di 231 veicoli e la denuncia di 23 persone in sette regioni d’Italia, non fa altro che testimoniare la fondatezza dell’allarme lanciato. Controlli a tappeto. Gli agenti, suddivisi in 178 pattuglie, hanno passato al setaccio 3.550 veicoli nelle province di Roma, Viterbo, l’Aquila, Pescara, Napoli, Salerno, Brindisi, Lecce, Taranto, Cosenza, Reggio Calabria, Messina, Ragusa, Siracusa, Agrigento e Trapani. Il risultato di questi sforzi ha portato al sequestro di 231 veicoli senza copertura e la denuncia di 23 persone tra cui 13 con tagliandino fasullo. Il dato statistico ricavato è sostanzialmente in linea con quello di un’altra operazione fatta a dicembre 2012. Guai seri. Ricordiamo che circolare senza Rc auto comporta una sanzione che va da 841 a 3.366 euro, oltre al sequestro del veicolo. Inoltre chi circola con documenti alterati o contraffatti subisce la confisca dell’auto, cioè se la prende lo Stato e la vende all’asta. Cosimo Murianni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Bollettino Antifrode n. 2

Ecco il secondo numero del Bollettino Antifrode.

Bollettino_ Antifrode2

Con questo numero vogliamo augurarci che il 2013 sia finalmente un anno di inversione di tendenza per le frodi assicurative.

Giovanni Romito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: