Google punta sulle assicurazioni auto

googleIl colosso informatico, secondo indiscrezioni, starebbe lavorando su un mega-sito per confrontare e acquistare polizze auto. Il servizio avrebbe già  ottenuto la licenza in 26 Stati americani

Il colosso del web Google è intenzionato a lanciarsi anche nel settore delle assicurazioni auto, attraverso un sito “comparatore” in cui i consumatori possono confrontare i prezzi e acquistare polizze. Il servizio «Google Compare Auto Insurance Services» ha ottenuto la licenza per vendere assicurazioni in 26 Stati americani a nome di sei gruppi assicurativi.

Secondo il Wall Street Journal Google sta lavorando su Comparenow.com, una divisione del gruppo assicurativo britannico Admiral Group che opera in 48 Stati e a Washington DC. Google non rilascia commenti, ma secondo indiscrezioni sarebbe da oltre due anni che il gruppo sta lavorando sul fronte assicurativo.
La strada potrebbe tuttavia essere in salita: da un lato ci sono infatti le compagnie assicurative, che non sembrano gradire l’idea di condividere con il colosso del web tutte le loro informazioni; dall’altro, le autorità competenti potrebbero frenare le mire del gruppo, soprattutto in Europa, per il pericolo di “schiacciare” tutti i rivali.

http://www.carrozzeria.it

Libera circolazione delle polizze e Perito Terzo

Unione-europea Libera circolazione delle polizze e perito terzo. E’ quello che chiedono i Periti Auto che si sono incontrati ieri a Genova, durante la Manifestazione organizzata dall’Associazione Carrozzieri della Provincia di Genova alla quale hanno aderito diverse altre Associazioni.

Possibile che in Europa possano circolare liberamente le merci e le persone, ma non le polizze. La liberizzazione del mercato assicurativo è l’unica cosa che servirebbe a calmierarne il costo. Avrebbero voglia le Compagnie Italiane di continuare a dire che non riescono ad abbassare i prezzi quando e se si ritrovassero a convivere con una libera concorrenza straniera. Lo sanno tutti che nel resto d’Europa le polizze auto costano molto meno e l’Italia non è la più cara per quanto riguarda i costi dei sinistri, né per la frequenza. Il primato delle truffe è dell’Inghilterra ma anche qui le polizze sono meno care.

Ci sono gli uffici specializzati in sinistri internazionali e funzionano bene, per cui problemi per l’utenza non ce ne sarebbero.

C’è poi la figura del perito che in Italia è una figura di secondo piano, mentre nel resto d’Europa è un serio e ben pagato professionista. In Germania ad esempio, a fronte di una perizia normale, tra i 2 ed i 3 mila euro, il perito auto, non si chiama perito assicurativo, stacca una parcella intorno ai 400 euro, contro le nostre che non sempre arrivano al 10 %, della parcella tedesca, non del danno. E poi viene pagato direttamente da chi lo ha incaricato, compagnia, danneggiato o carrozziere anche. Il danneggiato allega la parcella alla perizia e si fa dare dalla compagnia la somma dei due totali.

E le polizze costano meno!

RM

Se volete dar voce a queste proposte ISCRIVETEVI e CONDIVIDETE, basta un click e non costa nulla.