Truffa alle Assicurazioni: In 50 a processo a Lanciano (CH), quasi tutti campani con false residenze in Abruzzo per beneficiare di sconti sulle polizze Rca.

tribunale-lancianoL’indagine da parte della Polizia Stradale avviata un anno fa ha consentito di svelare un meccanismo abbastanza consolidato per il quale molti possessori di auto, moto, ma anche furgoni commerciali provenienti dalla Campania, facevano risultare la residenza in Abruzzo, ed in particolare a Lanciano, per pagare a prezzi stracciati le polizze Rca, grazie alla compiacenza di assicuratori locali, di origini campane, tra l’altro, ma trapiantati da anni a Lanciano ed Atessa. Le compagnie truffate sono la Milano Assicurazioni, Carige e Unipol. I protagonisti della vicenda dunque sono il 4oenne Vincenzo Palermo, Salvatore Buonincontro 44 anni, il 38enne Luigi D’Alò ed i coniugi Lucio Travaglini e Monia Di Nucci di 46 e 41 anni. Erano loro gli assicuratori, secondo le accuse del Pm Rosaria Vecchi, che producevano falsi certificati di residenza in otto comuni dell’area frentana, in particolare Atessa e Villa S.maria. Complessivamente sono state pagate polizze per circa 27 mila euro invece di 75 mila e rotti, il costo normale se le polizze fossero state sottoscritte in Campania dove gli indici per il rischio sinistri sono più elevati. Il meccanismo é andato avanti dal 2007 al 2014.  Ora chiusa l’inchiesta il Pm ha chiesto al Gip il rinvio a giudizio per cinquanta imputati, oltre ai cinque residenti in Abruzzo, e i 45 falsi residenti che non si sono mai mossi dai loro centri di Giugliano, Casoria e Napoli.

Drive Camp. Adesso Guida Meglio!

DRIVE CAMP

In onda dal 17 maggio 2014 su Deejay Tv un programma televisivo
prodotto da ComparaMeglio.it con la collaborazione di Aci, Polizia Stradale e Direct Line

Drive Camp. Adesso Guida Meglio!

Il primo talent show per promuovere la Guida Sicura e l’educazione stradale

 

Un talent unico nel suo genere e con una grande missione: promuovere la sicurezza sulle strade

Otto concorrenti si sfideranno in 18 prove spettacolari ed offriranno ai telespettatori un vero corso di educazione stradale

ROMA –  Otto concorrenti, uomini e donne, di età compresa tra i venti e i cinquant’anni hanno deciso di mettersi in gioco nel primo talent show dedicato alla Guida Sicura e all’educazione stradale.

Chi saprà affrontare correttamente una situazione di acqua planning? Quali sono le procedure corrette per cambiare una ruota in caso di foratura in autostrada? Quanto si è in grado di rimanere lucidi in situazione di stress?

Prodotto da Comparameglio.it, azienda specializzata in servizi di comparazione online nei settori assicurativi e finanziari, “Drive Camp. Adesso Guida Meglio!” andrà in onda sul canale digitale Deejay Tv  (il “tasto” 9 sul telecomando del digitale terrestre e 145 di Sky) a partire dal 17 maggio 2014 ogni sabato sera alle 21 e in replica la domenica alle 15.00 per 6 puntate. A condurre il programma ci sarà VIC, storica voce di Radio Deejay, coadiuvato dalla banda dei Fuori Frigo che, con il loro inconfondibile “stile”, commenteranno le prove mozzafiato in cui si dovranno cimentare  i concorrenti di puntata in puntata.

 

Un format originale

In competizione tra di loro vi saranno otto concorrenti diversi per età, sesso, caratteristiche socio-economiche e, soprattutto, che per motivi diversi si trovano a prendere o riprendere la patente di guida, oppure patentati che dopo uno o due anni devono riconfermare nuovamente quanto le loro competenze alla guida siano rimaste coerenti con i codici e i comportamenti da tenere sulla strada. Nell’arco delle 6 puntate, i concorrenti saranno impegnati in spettacolari prove pratiche e test teorici finalizzati ad evidenziare e ad insegnare come non sia sufficiente solo avere la patente per potersi considerare dei guidatori “sicuri”.

In ciascuna puntata, grazie all’intervento di esperti, si potranno seguire oltre alle prove dei concorrenti anche una serie di approfondimenti che offriranno al telespettatore un vero e proprio corso di educazione e sicurezza stradale: un’occasione per scoprire curiosità e avere consigli su come sia possibile migliorare la propria “guida” e ridurre i rischi a cui il mancato rispetto di regole basilari può esporre.

 

Una grande campagna per la Guida Sicura

“Sul tema della sicurezza stradale oggi è fondamentale formare nuove generazioni di automobilisti più coscienti e consapevoli”, spiega Deborah Sgrò, responsabile marketing e comunicazione di Comparameglio.it. “Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo deciso di utilizzare il linguaggio televisivo: più vicino al pubblico generalista e capace di trasmettere messaggi chiari e semplici. Uno dei messaggi chiave che Comparameglio.it vuole diffondere attraverso questo originale talent è proprio quello per cui guidare responsabilmente aumenta il divertimento e può salvarti la vita …

oltre a diminuire il costo del premio assicurativo grazie al raggiungimento di quello che per le assicurazioni rappresenta il profilo virtuoso!”.

A tal proposito, ComparaMeglio.it si è da sempre dimostrata attenta a cogliere i principali trend e le nuove opportunità attraverso cui garantire vantaggi concreti al cittadino. E questo nuovo Talent vuole esserne una dimostrazione. L’obiettivo principale è, infatti, quello di focalizzare efficacemente l’attenzione su come il miglior risparmio con le polizze auto possa essere ottenuto in una sola maniera: guidando meglio e in modo più sicuro e rispettoso delle regole.

In questa avventura, Comparameglio.it è affiancato da partner di altissimo livello e che da tempo si sono impegnati in campagne per la promozione della sicurezza sulle strade: si va dall’Aci alla Polizia Stradale, dall’Università La Sapienzaa Direct Line, compagnia di assicurazione on line insignita per il secondo anno di seguito del Sigillo Qualità come “Migliore RCA” e da sempre impegnata per promuovere una guida sicura e consapevole, nel rispetto delle regole e della convivenza sulle strade.

Ognuno di loro parteciperà attivamente al programma con un proprio esperto il cui compito sarà quello di commentare le prestazioni “alla guida” dei concorrenti e soprattutto di spiegare nel dettaglio quale sia il comportamento corretto da tenere nelle più disparate situazioni. Per esempio: che cosa fare quando l’auto è bloccata in acqua o è in panne per mancanza di carburante? Cosa fare esattamente quando cala l’attenzione alla guida? Quali sono le manovre consigliate in presenza di manto stradale scivoloso? Quali azioni d’emergenza compiere nel caso sia necessario soccorrere una persona? Quali comportamenti virtuosi tenere alla guida, come proteggere la propria auto e i propri cari da alcuni rischi e imprevisti

 

Ci vuole talent per sensibilizzare!

Per questa importante iniziativa, Comparameglio.it ha scelto Deejay Tv! Rete da sempre impegnata in campagne sociali significative, quello di Deejay TV è un pubblico differenziato, in target con il messaggio che Comparameglio.it vuole diffondere per sensibilizzare a 360 gradi al tema della Guida Sicura. A condurre il talent ci sarà VIC: la sua professionalità sarà punzecchiata dai commenti dallo stile goliardico dei Fuori Frigo.

Ad accompagnare tutti loro, prova dopo prova, ci sarà un tutor d’eccezione: Gian Maria Gabbiani, pilota e istruttore di guida sicura, che  impegnerà i concorrenti in una serie di prove educazionali a punteggio. Impegnato nel Whelen NASCAR Euro Series, categoria stock-car europea, Gabbiani è anche conduttore televisivo per il canale Automoto TV ed opinionista per gran parte di programmi televisivi dedicati al mondo dei motori.

Per la produzione di Drive Camp. Adesso Guida Meglio!, Comparameglio.it si è affidata a Lato C e alla casa di produzione Bobolone.

Oltre che su Deejay TV, il talent sarà fruibile in streaming dal sito www.deejaytv.it e scaricabile dalla community http://www.drivecamp.it. Inoltre, Deejay Tv darà la possibilità di rivedere il programma a ottobre e novembre.

 

Cosa accadrà nelle sei puntate

Nella prima puntata, dedicata alla selezione del cast, si conosceranno gli otto concorrenti protagonisti di questa avventura: persone diverse per età, livello di istruzione, posizione sociale.

Qualcuno dovrà prendere la patente per la prima volta, pur essendo maggiorenne da molto tempo, qualcun altro, invece, dovrà rifarla perché persa per motivi particolari, qualcun altro ancora poco sicuro del proprio stile di guida vorrà approfondire le tecniche più idonee al volante.

A chi aveva già la patente e si trova a doverla rifare o semplicemente per chi vuole approfondire le proprie conoscenze saranno assegnati una serie di handicap da superare, in modo da ridurre il vantaggio rispetto a chi la patente non l’ha mai avuta.

Nel corso della quinta puntata, gli otto partecipanti, oltre a una prova preparatoria, affronteranno il tanto temuto esame pratico tenuto da un vero Istruttore di Guida. Solo chi lo passerà, proseguirà la sua avventura, tentando di vincere il titolo di “Drive Camp – Adesso Guida Meglio” e la macchina messa in palio come premio al vincitore. Sarà poi nella sesta puntata che si scopriranno quali fra i concorrenti avranno passato l’esame di guida o il giudizio positivo rilasciato dall’Istruttore e che, quindi, si rivedranno in finale.

 

Le prove

Saranno diciotto in totale le prove da superare, di cui tre prove finali riservate solo ai concorrenti che avranno superato l’esame pratico di ammissione. Tutti i test saranno coordinati da tutor qualificati e, seppur spettacolari e divertenti, non perderanno mai di vista il loro carattere educazionale.

Saranno le prove a permettere ad ogni concorrente di conseguire un punteggio che si accumulerà di puntata in puntata e da cui uscirà di volta in volta una vera e propria classifica.

Il bello del gioco è che il punteggio acquisito nel corso delle prove non influirà in alcun modo sull’esito dell’esame di guida e si azzererà nel caso in cui il concorrente non riesca a passare l’esame, decretandone l’eliminazione. L’assegnazione della patente solo per i “patentandi” sarà regolamentata dal rapporto di partnership istaurato con l’ACI, che metterà a disposizione un suo funzionario per ufficializzare la licenza.

Tutti i concorrenti che avranno accesso alla puntata finale si sfideranno nelle tre prove finali.

 

Il talent on line

Il talent vivrà anche online attraverso i social, https://www.facebook.com/comparameglio   https://twitter.com/comparameglio e l’hashtag ufficiale #guidameglio, dove sarà possibile trovare notizie aggiornate e commentare cosa succede nel programma, e sulla community dedicata, www.drivecamp.it , che sarà gestita dal team del partner EPR digitale.

Gli interventi degli esperti saranno pubblicati nella Community ad “uso e consumo” del pubblico che potrà dire la sua sui temi della guida, dei corsi, della patente, dei rischi che si corrono per il mancato rispetto delle regole, delle conseguenze di un incidente stradale, dei comportamenti civici in strada e così via.

L’obiettivo di Drive Camp è di diventare il punto di riferimento per chi online cerca consigli e confronto sulla patente, sui quiz, ma anche e soprattutto sui corsi di guida sicura, e di educazione civica stradale, sulle opportunità per neofiti e professionisti di guidare su un circuito o semplicemente per chi voglia apprendere le regole di base che fanno di un guidatore qualunque un guidatore migliore. Ampio spazio sarà dedicato a tutte le iniziative promosse da istituzioni e privati volte al sostegno e alla sensibilizzazione della Guia Sicura.

Originalissima l’iniziativa pensata per aumentare al massimo la viralità del messaggio. Nella community vivrà infatti una “bloggers’ battle” virale tra top blogger. Per tutti i blogger che decideranno di aderire all’iniziativa entro l’inizio della prima puntata, ci sarà la possibilità di affrontare ed approfondire i temi delle puntate attraverso post blog dedicati o partecipando alle conversazioni nel forum. Sulla base del numero dei post pubblicati e dei commenti generati sarà stilata una vera e propria classifica. Il blogger che si posizionerà per primo sarà proclamato Opinion Voice del Drive Camp e si aggiudicherà due biglietti per il Gran Premio di Formula 1 a Monza 2014.

Per approfondire:

La community : www.drivecamp.it

VIC : http://www.deejay.it/conduttori/vic/

Fuori Frigo: http://www.deejay.it/programmi/fuori-frigo-lumanita-fa-schifo/

ACI Sicurezza Stradale: http://www.aci.it/laci/sicurezza-stradale.html

Polizia Stradale: http://www.poliziadistato.it/articolo/view/16016/

Gian Maria Gabbiani:  http://www.gmgabbiani.com/

 

Incidenti stradali: 1.791 vittime nel 2013, calo 14%

2,1 milioni infrazioni codice strada.

1,7 milioni controlli alcol e droga

Schermata 03-2456376 alle 10.11.09

(ANSA) – ROMA, 9 GEN – Meno vittime e meno incidenti stradali rispetto al 2012, più controlli, oltre trentatremila persone sorprese alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti: è il bilancio di un anno di attività della polizia stradale.

INCIDENTI E VITTIME: nel 2013 gli incidenti stradali sono diminuiti del 2,4%, passando dagli 82.385 rilevati da polizia stradale e carabinieri nel 2012 agli 80.387 dell’anno appena concluso. Il calo è però maggiore se si considerano soltanto i sinistri con esisto mortale: in questo caso si è passati infatti dai 1906 del 2012 ai 1.616 del 2013, con una flessione percentuale del 15,2%. Il numero delle vittime è invece sceso del 14%: dalle 2082 del 2012 alle 1791 dell’anno scorso.

2,1 MILIONI INFRAZIONI A CODICE STRADA: Complessivamente, polizia e carabinieri hanno schierato 4.576.861 pattuglie di vigilanza stradale e contestato 2.180.825 infrazioni al codice della strada. Sono stati invece 2.354.942 i punti patente complessivamente decurtati nel 2013. Potenziati anche i controlli nel settore dell’autotrasporto con 241.024 veicoli controllati e l’accertamento di 72.418 infrazioni.

TUTOR E VERGILUS: Con 2.900 km di rete autostradale vigilata, il sistema Tutor ha funzionato per 439.725 ore e si è registrata una diminuzione del 12,43% delle violazioni accertata. Tra l’altro, nelle tratte in cui il Tutor è attivo da più tempo, la mortalità è stata abbattuta del 51% e il numero dei feriti del 27%. Il sistema Vergilus – che controlla la velocità media sulle strade statali – ha invece registrato 31.450 violazioni in 10.901 ore di funzionamento (quasi il doppio rispetto all’anno precedente), con una riduzione delle violazioni di circa il 10%.

ALCOL E DROGA: Nel 2013 sono stati controllati con etilometri e/o precursori 1.716.437 conducenti, 31.205 dei quali sono stati sanzionati per guida in stato di ebbrezza e 2.416 per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Sequestrati complessivamente 994 veicoli.

STRAGI SABATO SERA: I conducenti controllati per prevenire il fenomeno sono stati 303.464, 16.848 dei quali sono risultati in stato di ebbrezza, dato che tradotto in termini percentuali indica che circa il 6% di loro è risultato positivo all’alcoltest.

SICUREZZA ALIMENTARE: La polizia stradale ha organizzato una serie di operazioni volte a contrastare comportamenti illeciti nel trasporto di animali vivi: 770 pattuglie della Polstrada hanno controllato nel 2013 circa 2200 veicoli, portando all’accertamento di 1400 violazioni ed a 604mila euro di sanzioni amministrative.

Aosta: Truffe con falsi incidenti stradali, dieci denunciati

Operazione della polizia stradale di Aosta

Aosta - Porta Praetoria Imc Per concorso in truffa ai danni di compagnie di assicurazione la sezione di polizia giudiziaria della polizia stradale di Aosta ha denunciato a piede libero dieci persone. I reati contestati sono stati commessi ”mediante la creazione di elementi di prova – si legge in una nota – per produrre ad arte sinistri stradali avvenuti con modalità diverse rispetto alla realtà”.

Le indagini hanno permesso di appurare che svariati incidenti stradali autonomi sono stati trasformati in sinistri con il coinvolgimento di altre persone e veicoli al fine di ”ottenere un indebito indennizzo da parte delle compagnie di assicurazione”. Le indagini sono state avviate all’inizio dell’anno. I primi episodi presi riguardano vetture di media-piccola cilindrata. Secondo la polizia, ”l’illecito accordo ha causato un danno totale alle compagnie di assicurazione di circa 50.000 euro”. Tra i denunciati vi sono anche alcuni titolari di carrozzerie delle Valle d’Aosta.

Le indagini sono scattate verificando documentazione ‘sospetta‘ prodotta a seguito di sinistri stradali avvenuti in Valle d’Aosta. Le compagnie assicurative che risultano truffate sono quattro: i risarcimenti elargiti per ciascun falso incidente erano compresi di solito tra gli 8.000 e i 10.000 euro. In un paio di casi le vetture coinvolte sono di media-grande cilindrata. L’indagine è tutt’ora in corso e potrebbe estendersi ad altri incidenti.

Fonte: Regione autonoma Valle d’Aosta / ANSA (Articolo originale #2)

Truffe ad assicurazioni, 115 denunce a Taranto. Indagati tre avvocati

Schermata 03-2456376 alle 10.11.09La Squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di Taranto, nell’ambito di una indagine coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica Filomena Di Tursi, ha denunciato, a vario titolo, 115 persone in concorso tra loro, per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni delle maggiori compagnie assicurative italiane, falso materiale, falso ideologico e fraudolento danneggiamento di beni assicurati.

L’operazione denominata ‘Zeta‘, in riferimento alla compagnia di assicurazioni Zurich, che nel marzo 2009 ha depositato querela riguardo una serie di 34 sinistri stradali che vedevano coinvolta sempre la stessa vettura nell’arco temporale di 9 mesi, riveste una particolare importanza per il numero delle persone coinvolte, alcune delle quali pluripregiudicati per reati specifici e già coinvolti nelle operazione Delfino e Lepro.

Si tratta di componenti di quattro diversi nuclei familiari che ormai consideravano la truffa alle assicurazioni una voce attiva del bilancio familiare. Il blitz assume una notevole importanza sociale. L’attività criminosa, infatti, ha arrecato un grave danno ai cittadini di Taranto per il rincaro delle tariffe applicato dalle società assicurative, in conseguenza dell’aumentato numero di incidenti stradali e dei conseguenti rimborsi corrisposti; l’indagine ha accertato infatti il pagamento di indennizzi per 88 falsi incidenti, tutti avvenuti tra il 2008 e la metà del 2010 per un ammontare complessivo di 400.000 euro.

Questo tipo di crimine rende a tutt’oggi la provincia di Taranto una delle province di Italia con il pagamento dei più esosi premi assicurativi per singola polizza. L’indagine, particolarmente lunga e complessa, si è avvalsa anche di intercettazioni telefoniche durate oltre quattro mesi che hano accertato la presenza sul territorio ionico di un gruppo stabilmente dedito alle frodi assicurative, molto disinvolto. L’organizzazione si avvaleva della collaborazione di figure professionali specifiche nell’ambito dell’infortunistica stradale. In alcune circostanze la truffa è avvenuta con l’ausilio di falsa documentazione o falsificata in ogni modo, che veniva esibita alle compagnie assicuratrici per attestare la proprietà del mezzo a persone pulite e quindi non risultanti plurisinistrate; venivano infatti creati ad arte permessi provvisori di circolazione apparentemente rilasciati da diverse agenzie di pratiche automobilistiche tarantine, risultate tutte ignare dell’illecito.

Tra gli indagati figurano tre avvocati compiacenti, del foro di Taranto, di cui uno risulta coinvolto direttamente in un falso sinistro stradale mentre gli altri due hanno assunto la strumentale e consapevole difesa di soggetti coinvolti nei falsi sinistri. L’organizzazione criminale attuava la cosiddetta pratica del «parafango», limitando la denuncia dei danni patiti nei falsi sinistri stradali quasi esclusivamente a danni materiali, con l’intento di eludere o sterilizzare le attività di verifica e di indagine delle forze di polizia. Determinante per il concretizzarsi del disegno criminale appare l’operato di sette periti, che attribuivano in sede di perizia tecnica la compatibilità dei danni riscontrati sui veicoli con la dinamica denunciata nel falso sinistro stradale, inducendo di fatto in errore le compagnie assicurative, che liquidavano indennizzi per fatti mai realmente accaduti.

Tra gli indagati figura altresì il titolare di un’agenzia investigativa, della quale le Unità Antifrode delle compagnie assicurative si avvalevano per un primo accertamento riguardo la veridicità derll’evento infortunistico.

Singolare appare il coinvolgimento, in un falso sinistro stradale, di un carro funebre, fortunatamente privo di salma, che vedeva però ferito, a seguto dell’evento, il trasportato nel sedile anteriore, per il quale la compagnia liquidava (sia per danni materiali che fisici) complessivamente 13.000 euro. Anche i danni sui veicoli venivano riutilizzati per diversi sinistri, in particolare appare irreale ma effettivamente accaduto che la stessa autovettura, una Fiat Punto fosse coinvolta in venti sinistri ed il proprietario della stessa risulti essere nel contempo il conducente della vettura Lancia Y coinvolta a sua volta in altri 34 incidenti stradali.

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno

Polizia Stradale: A CACCIA DI ASSICURAZIONI FALSE

Polizia stradale

La Polizia stradale ha portato a termine in tutta Italia un’operazione mirata a contrastare il fenomeno delle polizze false e dei veicoli che circolano privi di copertura assicurativa. Su 6.790 veicoli controllati, il 6% non è risultato in regola: fatto che ha portato alla denuncia di 22 persone e al sequestro di 227 automezzi.

Multa e sequestro del mezzo. In 16 casi, inoltre, sono state avviate indagini giudiziarie a fronte di conducenti che utilizzavano polizze falsificate. La sanzione prevista per chi circola senza copertura va da 841 a 3.366 euro; se i documenti assicurativi sono alterati o contraffatti, si aggiunge il sequestro del veicolo che, alla chiusura delle indagini, viene poi confiscato e messo all’asta. L’operazione della Stradale si è avvalsa della collaborazione dell’Ania, l’associazione delle assicurazioni, e, in particolare, dell’Ufficio antifrode che ha provveduto a riscontri immediati utilizzando la propria banca dati.E.D.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.quattroruote.it/notizie/assicurazioni/polizia-stradale-a-caccia-di-assicurazioni-false