#ADD16 Automotive Dealer Day 2016 – Ogni anno sempre di più

FullSizeRender (35)  Non ho guardato i numeri, non ho visto i risultati ma solo gli stand, gli espositori, i visitatori ed il pubblico presente e quello da casa interessato all’evento.

Ogni anno sempre di più perché ogni anno è uno spettacolo che si rinnova con nuovi ed interessanti workshop, meeting di aziende  ed associazioni, eventi collaterali  e sempre una maggiore partecipazione di espositori ed afflusso di pubblico.

Quest’anno eravamo ospiti di Rete di Stima, il marchio che raggruppa diverse società automotive che in collaborazione con Happy System e Rentek hanno organizzato la presenza a questa che è diventata la più importante manifestazione del settore servizi auto. Si sono alternati allo stand oltre ad APAID le società Eurostime, evolgo! ed Exasat. Tra gli ospiti che ci sono venuti a trovare Europcar, Rina, Vetrocar, Assicure, Dekra, Arval, Nobis, Authoitalia, Leasys, Mapfre, ACI Global, BCA, COTW, AMINTA, Carvivo, Sicurezza e Ambiente, AON, R4Y, Autoscout, Arval, Mercedes, Escargo, Europ Assistance, Infodrive, Mapfre, SOS Grandine, Indicata, Punto Glass, CarFullService, Autonostop, Automobili.it, KeRete, CarPoint, Agos, Athlon, TWG, Star Solutions, Shell, Econometrica, Autorola, Autopreview, Notiziario Motoristico, Vodafone Automotive, Manheim, Berner, Car Affinity, Car Garantie, Eurotax, Fiditalia, Studio Legale Zampino e Giuntini, Geomove ed Uniquon, molti dei quali anche espositori .

La formula funziona, alla gente piace potersi incontrare e fare appuntamenti concentrati in tre giorni, che dall’uno iniziale di 14 anni fa fanno capire che la fiera cresce e non è escluso che l’anno prossimo i giorni diventino quattro fino ad arrivare addirittura a far cambiare nome in ADW, e diventare il Dealer Week.

FullSizeRender (36) IMG_2269 FullSizeRender (37) FullSizeRender (38) FullSizeRender (39)

 

 

 

#ADD15 Dealer Day 2015. Uno spettacolo che si ripete

#ADD15Verona. Ha aperto ieri i battenti ll’Automotive Dealer Day 2015. Tre giorni di kermesse nella quale sono previsti  oltre 4.000 partecipanti che si muoveranno su oltre 12.000 mq di Area Business in 28 sessioni tra workshop e masterclass. Parleranno oltre 70 speaker, professionisti del settore o delle oltre 70 aziende presenti. Quest’anno i paesi rappresentati sono oltre 10 con aziende provenienti da tutto il mondo.

Il primo giorno ha visto la solita affluenza degli altri anni, più ridotta in mattinata ma decisamente copiosa nel pomeriggio. Tutti gli stand erano vivaci ed i vari personaggi del settore automotive erano presenti. Molti gli amministratori e i dirigenti delle varie società espositrici tra le quali ricordiamo Car Garantie, Vodafone Automotive, ACI Global, ARVAL, automobile.it, ICar, Shell, Mapfre, Viasat, Quattroruote Professional, Star Solutions, Subito.it, CarFullService, Eurotax, BCA e Leasys.  Oltre 10 Paesi rappresentati.

Sempre interessanti gli interventi dei relatori. Molto seguito  all’apertura quello del direttore di Quintegia, la società organizzatrice, Leonardo Buzzavo che ha parlato di Bisiness Digitale con Alessandro Lazzeri di Findomestic e Jared Hamilton di DrivingSales.com.

Oggi è atteso il massimo delle presente. La giornata centrale è sempre stata la più affollata.

image2

Mapfre acquista le attività italiane e tedesche di Direct Linen

Mapfre HiRes (2)

Operazione da 550 milioni di Euro per il gruppo assicurativo spagnolo, che rafforza la propria presenza in Europa nel comparto delle assicurazioni dirette acquisendo potenzialmente 1,6 milioni di clienti e un volume d’affari di 714 milioni di Euro nei due mercati assicurativi di riferimento

Come riporta un comunicato ufficiale diffuso a fine settembre, il gruppo assicurativo spagnolo Mapfre ha raggiunto un accordo con Direct Line per rilevare le attività italiane e tedesche della compagnia assicurativa diretta britannica. L’operazione, che comporterà per Mapfre un impegno di 550 milioni di Euro, si inserisce nel piano strategico del gruppo spagnolo e ne permette il rafforzamento della presenza in Europa nel comparto delle assicurazioni dirette. Secondo gli ultimi dati disponibili a fine 2013, infatti, le attività combinate italiane e tedesche di Direct Line si attestano a 1,6 milioni di clienti, 714 milioni di Euro di volume d’affari e 19,5 milioni di utile ante imposte

Direct Line Italia – si legge nel comunicato – è leader nel mercato italiano delle assicurazioni dirette ramo auto, con una quota di mercato di circa il 28% attraverso il canale online e telefonico, quasi 500 milioni di Euro di premi annui e un milione di clienti. Direct Line Germania è la terza compagnia sul mercato tedesco per quanto riguarda le assicurazioni dirette, con una quota di mercato nel comparto di circa il 13%, più di 200 milioni di Euro di premi e circa 600.000 clienti. Come sottolinea Mapfre, il settore delle assicurazioni dirette sta vivendo una fase di rapido sviluppo in entrambi i paesi, con un tasso di crescita negli ultimi cinque anni del 74% in Italia e del 38% in Germania.

“Gli asset di Italia e Germania acquisiti rappresentano un investimento assolutamente strategico per MAPFRE, perché consolidano due linee fondamentali del nostro piano di crescita globale: da un lato ci consentono di accrescere la nostra presenza in Europa e dall’altro si integrano perfettamente nella nostra strategia di business digitale”, ha dichiarato il presidente di Mapfre Antonio Huertas.

Le filiali di Italia e Germania sono state acquisite da Direct Line Group nel 2002 e in questi 12 anni entrambe le compagnie hanno progressivamente diversificato i propri canali di distribuzione: attualmente la vendita diretta copre un 45% dei premi, mentre i diversi accordi di distribuzione stipulati con produttori di automobili e istituti finanziari coprono un 32%. Il restante 23% è ottenuto attraverso aggregatori di assicurazioni. Questa strategia – conclude il comunicato – “si adatta perfettamente alla molteplicità dei canali sviluppati da Mapfre nel rapporto con i propri clienti”.

Intermedia Channel

Soderi, Mapfre Warranty: «Portiamo innovazione nel mondo dell’auto»

Gian Paolo Aliani Soderi, General Manager of Italy Business Unit in Mapfre Warranty, ci ha spiegato come l’Azienda per cui lavora offre supporto al mondo dell’automotive ed in particolare alle concessionarie

Gian Paolo Aliani Soderi Imc All’Automotive Dealer Day abbiamo incontrato Gian Paolo Aliani Soderi (nella foto), General Manager of Italy Business Unit in Mapfre Warranty, che ci ha spiegato come l’Azienda per cui lavora offre supporto al mondo dell’automotive ed in particolare alle concessionarie.

Mapfre è un’Azienda che permette alle aziende di innovare. In che modo?

«Mapfre è presente in Italia ormai da 10 anni e siamo di essere senza dubbio una di quelle aziende che portano innovazione nel mondo dell’automotive ed in particolare nelle concessionarie. In questi anni infatti abbiamo offerto il nostro programma di garanzia destinato sia alle auto nuove che a quelle usate. Da quest’anno inoltre abbiamo lanciato tre nuovi prodotti come il gap, una polizza assicurativa che permette al cliente di non disperdere il valore della propria vettura nel caso in cui gli venga rubata o vada distrutta».

Lavorate solo con le concessionarie o anche con i costruttori?

«Siamo sicuramente un’Azienda che dà valore aggiunto alle concessionarie ma lavoriamo sempre di più anche con le Case. Per esempio gestiamo per Ford il programma di usato garantito Ford Doc 0-3, ma siamo anche i fornitori dell’assistenza stradale per il Gruppo Piaggio e per Peugeot Scooter».

Che differenza c’è tra il cliente auto e il cliente moto?

«Il mondo auto è leggermente più avanti rispetto a quello delle moto. L’imprenditore auto solitamente oggi ha capito che i servizi sono fondamentali per la fidelizzazione e per la redditività, mentre quello moto è più lento a recepire l’importanza di questo aspetto».

Da anni collaborate anche con la SBK…

«Mapfre collabora da tre anni con il Team Aspar che corre in Superbike perché la moto è un mondo che interessa molto alla nostra azienda e sicuramente continueremo a investire sempre di più sulle due ruote».

Autore: Emiliano Perucca Orfei – Automoto.it (Articolo originale)

Video dell’intervista curata da Automoto.it