Agostinelli, il caso non è chiuso: perizia tecnica sulla morte del centauro. Ad aprile incarico all’ingegnere Daniele Azzarello

Civitanova, un pallone e un casco per l’addio a Matteo Agostinelli  Civitanova Marche (Macerata), 13 marzo 2014
Una perizia chiarirà le circostanze della morte di Matteo Agostinelli, il civitanovese di 39 anni rimasto vittima di un incidente il 21 settembre 2012. Per questo fatto, è accusato di omicidio colposo G. E., 82 anni. L’anziano, al volante di una Bmw X1, si immise dal passo privato di casa sua, in contrada Migliarino, sulla provinciale: non avrebbe però dato la precendenza ad Agostinelli, che stava arrivando in sella a una Mv Augusta. Il centauro venne scaraventato a terra e morì. Ieri in tribunale a Macerata, nell’udienza preliminare, Eleuteri, assistito dagli avvocati Giancarlo Nascimbeni, Gabriele Cofanelli ed Esildo Candria, ha chiesto il processo con il rito abbreviato condizionato a una perizia tecnica. Il giudice Potetti ha accolto l’istanza, rinviando il processo ad aprile per incaricare l’ingegnere Daniele Azzarello.