Incidenti in moto: il nostro cervello si fa ingannare dalle dimensioni

Secondo uno studio statunitense, molti incidenti in moto sarebbero imputabili almeno in parte a errori di valutazione del cervello… degli automobilisti. Una moto infatti verrebbe percepita come “lontana” rispetto a un’auto o a un camion che sono alla stessa distanza perché la moto è più piccola dell’auto e del camion. Lo dicevano i nostri nonni: le dimensioni contano!

Incidenti in moto: il nostro cervello si fa ingannare dalle dimensioni
Per chi viaggia in auto, le moto sono sempre lontane
Secondo lo studio “Effects of Size on Collision Perception and Implications for Perceptual Theory and Transportation Safety” pubblicato dalla professoressa Patricia Delucia, docente alla Texas Tech University, la nostra percezione visiva sarebbe condizionata dalla distanza dell’oggetto visualizzato, un fenomeno che potrebbe essere alla base di una buona percentuale degli incidenti stradali. Secondo Delucia, infatti, una moto, un’auto o un camion che si stanno muovendo verso di noi, nonostante si trovino alla medesima distanza vengono giudicati dal nostro cervello a diversa distanza. Nello specifico, gli oggetti più piccoli come le moto vengono percepiti più lontani di quanto siano in realtà, un errore che può risultare fatale ad esempio quando si deve decidere di muoversi oppure stare fermi per dare la precedenza a un incrocio oppure nell’uscire da uno stop. Delucia spiega così: “La gente sottoposta allo studio ha riferito che che un oggetto grande sembra essere più vicino di uno piccolo. Questo effetto distorce la percezione del cosiddetto “tempo di collisione”, vale a dire il tempo che impiega un oggetto a raggiungerci. Nel caso delle moto, esse sembrano essere sempre più lontane di quanto siano in realtà, una distorsione che implica l’errata considerazione della velocità di arrivo e che è alla base di diversi incidenti stradali”. Insomma, ai motociclisti anche la scienza sembra consigliare solo una cosa: prudenza assoluta quando si è in strada. A quanto pare anche la nostra “taglia” ridotta purtroppo non aiuta, tutt’altro. Per capire cosa rischiamo, ecco qui sotto un video di quello che può succedere a un incrocio. Certo, in questo caso più che parlare di percezione distorta, sembra che il guidatore di pick-up sia completamente distratto… fortunatamente nessuno si è fatto male!
VIDEO