Auto gratis con il “carvertising”? Occhio al raggiro

L’auto privata come mezzo pubblicitario per guadagnare? In Italia non si può, è vietato dalla legge, e le truffe sono dietro l’angolo

Nell’economia che si fa sempre più condivisa c’è una pratica che da qualche anno promette ai privati di guadagnare facendo della propria auto un mezzo pubblicitario. Si chiama “carvertising”, unione delle due parole “car” ed “advertising”, cioè rispettivamente “auto” e “pubblicità” ed è un sistema diffuso negli USA ed in diversi Paesi d’Europa.

In sostanza, un privato sottoscrive un contratto con una concessionaria pubblicitaria per mettere a disposizione la carrozzeria della propria auto su cui verrà apposta una grafica pubblicitaria tramite la tecnica del “wrapping”. Questa potrà cambiare ogni volta che la concessionaria lancerà una nuova campagna per conto di un inserzionista, tipicamente un’azienda o un’attività commerciale. In cambio dovrà offrire alcune garanzie, come un chilometraggio annuo minimo e la manutenzione in buono stato dello spazio pubblicitario. Alcune aziende richiedono addirittura di postare una quantità prestabilita di foto o “selfie” sui social network.

Altre formule di carvertising addirittura offrono un’auto gratis in cambio del versamento di una quota di iscrizione. In questo caso il sospetto che dietro l’offerta allettante si nasconda la truffa è molto alto. Una regola d’oro da seguire per evitare i raggiri, in ogni ambito, è che non si deve mai pagare per una promessa di guadagno.

Nella maggioranza dei casi, infatti, si tratta di vendite piramidali proibite per leggecome insegna il “caso Dexcar” di cui ci siamo occupati di recente. Se viene accertato dalle autorità che si tratta di uno schema piramidale o multivello, l’azienda viene chiusa e recuperare i soldi versati sarà molto difficile. L’alto numero di siti web oscurati o chiusi di servizi di carvertising non fa che alimentare i sospetti che si tratti di un business poco affidabile per chi è in cerca di guadagni facili.

In ogni caso, in Italia la legge vieta ai privati la pubblicità sulle auto per conto terzi. Lo dice l’articolo 23 del Codice della Strada e il regolamento di attuazione (Decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495), che all’articolo 57 comma 1 specifica che «L’apposizione sui veicoli di pubblicità non luminosa è consentita […] unicamente se non effettuata per conto terzi a titolo oneroso. […] Sulle autovetture ad uso privato è consentita unicamente l’apposizione del marchio e della ragione sociale della ditta cui appartiene il veicolo», mentre il comma 2 recita: «La pubblicità non luminosa per conto terzi è consentita sui veicoli adibiti al trasporto di linea e non di linea, ad eccezione dei taxi […]».

Ciò significa che in Italia solo le auto aziendali possono esporre messaggi pubblicitari e limitatamente alla loro attività, oltre ai mezzi di trasporto pubblici e i taxi e alle auto da corsa. Guadagnare semplicemente guidando, dunque, è al momento possibile solo ai piloti professionisti.

fonte

Il Salone dell’auto torna a Torino

Pienone al parco del Valentino

Per la prima edizione della rassegna (11-14 giugno) presenti 35 marchiPV_planimetria_13_05_2015 A-kjvG-U43080786522828KJD-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Da giovedì 11 giugno a domenica 14 giugno, si svolgerà a Torino, il Parco Valentino Salone & Gran Premio. Non definitelo però un altro salone dell’Auto: «L’unico punto di contatto con la definizione classica di Salone è la presenza di 35 marchi con le loro novità. Tutto il resto è un format nuovo, così come è nuovo il fatto che sia gratis, all’aperto e visitabile fino a mezzanotte (ndr orario di apertura 10 – 24): è qualcosa di diverso, nato con l’obiettivo di dare all’Italia il grande festival automobilistico che mancava», spiega Andrea Levy, presidente del Comitato organizzatore della manifestazione.
Dai centri stile alle università

Lungo l’elenco, come ricordava Levy, delle Case automobilistiche presenti con le proprie pedane nel parco del Valentino, alle quali proprio nelle ultime ore si è aggiunta anche Mercedes: Abarth, Alfa Romeo, Audi, Bentley, Bmw, Ferrari, Fiat, Jaguar, Jeep, Kia, Lamborghini, Lancia, Land Rover, Lexus, Lotus, Maserati, McLaren, Mercedes, Porsche, Pagani, Subaru, Suzuki, Tesla, Toyota e Volkswagen. Alle Case si aggiungono i Centri Stile e i Carrozzieri: Centro Stile Ferrari, Fioravanti, I.DE.A Institute, IED Torino, Italdesign Giugiaro, Pininfarina, Spada, Studiotorino, Torino Design e UP Design. Per l’innovazione sarà presente il Politecnico di Torino e la B-Tron. Un interesse mostrato già nei confronti della prossima edizione: «Ci sono marchi, anche tra gli assenti di quest’anno, già prenotati per il 2016», dichiara Levy. Domenica 14 giugno è poi previsto il Gran Premio Parco Valentino (riedizione del Gran Premio che si correva negli stessi luoghi dal 1935 al 1955): auto storiche e concept moderni, vetture da competizione di Formula 1 e rally, sfileranno per le vie del centro partendo da Piazza San Carlo per arrivare fino ai giardini della Reggia di Venaria. Auto ma non solo. Gli organizzatori assicurano eventi d’intrattenimento durante tutti i 4 giorni della manifestazione e un’area dedicata allo street food.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

VALUTAZIONE STORICA DI UNA VETTURA OGGETTO DI FURTO

Spesso ci viene richiesto di valutare quanto valesse una vettura che è stata rubata.

E’ uso presso i tribunali italiani usare una pubblicazione che è di origine svizzera e non pubblica pubblicità delle case automobilistiche, per cui si ritiene per prassi che sia imparziale. Le quotazioni italiane sono curate da Sanguinetti Editore che ogni mese, in seguito ad indagini di mercato, redige le valutazioni.

Queste, come detto, sono recepite come le quotazioni ufficiali usate anche dai professionisti del settore automotive e dai commercianti per valutare i veicoli che comprano, usando il listino blu, e rivendono usando il listino giallo.

Il Blu considera vetture da ripristinare, tagliandare, collaudare se serve e garantire se vendute a privati. Il Giallo il valore corrente delle vetture in vendita ai privati. Quindi per estensione del concetto anche in proprietà dei privati. Sul nostro sito è possibile trovarne una selezione qui.

I Periti Assicurativi vengono interpellati per avere i valori di vetture su listini di mesi ed anni precedenti, non più in circolazione o di vetture fuori listino perché di anni precedenti alle ultime valutazioni. Questa relazione è un esempio di entrambe le fattispecie.VALUTAZIONE FURTO valutazione eurotax storica

 

 

richiesta quotazione auto

Da: Chiara Guadagno [mailto:chiaretta_guad@yahoo.it]

Inviato: martedì 19 novembre 2013 15:25
A: info@peritiauto.it
Oggetto: richiesta quotazione auto

Buonasera,

avrei bisogno di sapere la valutazione di una ford fiesta 1.4 TDCI 70cv 5 porte titanium, tipo carrozzeria b2v, no antifurto, diesel, immatricolata a dicembre 2010.

Grazie

Da: Periti Auto [mailto:info@peritiauto.it] 

Inviato: mercoledì 20 novembre 2013 01:44
A: ‘Chiara Guadagno’; ‘info@peritiauto.it’
Oggetto: R: richiesta quotazione auto

Buonasera,

le quotazioni sul sito sono una selezione di Eurotax https://peritiauto.wordpress.com/2012/12/27/finalmente-eurotax-giallo-e-blu-gratis-in-internet/

le quotazioni di tutte le auto, veicoli industriali, fuoristrada, moto sono fornite gratuitamente solo agli utenti iscritti/registrati.

Si iscriva e rinnovi la richiesta.

Grazie.

Periti Auto

Staff

Autopromotec 2013 sempre più 2.0

Schermata autopromotec

Autopromotec, la più specializzata rassegna internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, che avrà luogo a Bologna dal 22 al 26 maggio 2013, confermando la sua attenzione alle innovazioni tecnologiche, con un costante sguardo rivolto al futuro, ha di recente introdotto un innovativo sistema per la gestione dei biglietti d’ingresso.

In un mondo sempre più interattivo, infatti, Autopromotec ha deciso di introdurre il biglietto elettronico per l’accesso alla manifestazione. Ora è sufficiente registrarsi direttamente dalla homepage del sito http://www.autopromotec.it andando sulla voce “Biglietto Gratuito”. Compilati tutti i campi, il visitatore riceverà sulla propria email la copia pdf del biglietto da stampare, che conterrà uno speciale codice a barre che gli consentirà di entrare in fiera e funzionerà anche da biglietto da visita elettronico. Per chi non si sarà registrato tramite il sito, agli ingressi della fiera troveranno spazio postazioni dedicate presso le quali sarà possibile ottenere il biglietto d’ingresso. Comodi porta badge saranno distribuiti a tutti i visitatori, che così avranno la possibilità di inserirvi il biglietto in modo da non perderlo.

Il biglietto d’ingresso potrà essere utilizzato anche come biglietto da visita elettronico: infatti, grazie alla nuova App Autopromotec, gli espositori saranno in grado di registrare i visitatori che andranno ai loro stand utilizzando un qualsiasi smartphone o tablet. Sarà sufficiente scaricare gratuitamente la App da Apple Store o Google Play Store, entrare nell’area riservata e attivare la funzione di lettura del codice a barre riportato sui biglietti d’ingresso. In questo modo, alla fine della manifestazione, gli espositori potranno ricevere un report con i nominativi dei visitatori passati dal loro stand e che sono stati registrati, facilitando così la loro attività di follow-up.

La App Autopromotec sarà molto utile anche per i visitatori della fiera che la potranno utilizzare per accedere a speciali contenuti in modo da vivere la propria visita in fiera in un modo completamente innovativo.

La App Autopromotec consentirà di visualizzare le mappe dei vari padiglioni e avere la lista degli espositori; in questo modo la si potrà usare anche come pratico navigatore personale per raggiungere facilmente qualsiasi stand della fiera.

Per chi è interessato ai convegni previsti dal programma AutopromotecEDU, sarà possibile consultare il programma direttamente dalla App, che conterrà anche un’agenda digitale con cui organizzare le proprie giornate in fiera direttamente tramite il proprio smartphone o tablet, senza perdere nessun appuntamento.

Finalmente EUROTAX giallo e blu gratis in internet

Grazie a       alVolante.it       è possibile trovare in rete una “ampia” selezione di modelli di cui ci sono le quotazioni Eurotax di Sanguineti Editore (quasi tutti direi).eurotax disco

http://www.alvolante.it/listino_auto/usato#accessori

Giallo per i privati (vendita), blu per i commercianti (acquisto)

Con il link di questa pagina si accede ad una selezione. Per avere la quotazione di tutte le auto è necessario essere iscritti.

Eurotax come Quattroruote pubblica le quotazioni delle auto con meno di 10 anni di età. Per quotazioni di auto più anziane bisogna usare i siti on line come autoscout, automobili.it, indicata o altri riservati ai professionisti

 

QUOTAZIONI USATO AUTOSCOUT 24

Autoscout 24, nostro nuovo sponsor,  comunica la messa on line della versione beta di un quotatore gratuito, le quotazioni usato in tempo reale.

E’ l’unico listino dell’usato, che tiene conto oltre al modello e all’anno come tutti gli altri, anche il chilometraggio.   Ed è gratis.

http://listino.autoscout24.it/listino?smid=Ins-SM-Teaser3