ACI INVITA GLI AUTOMOBILISTI A SOTTOSCRIVERE LE 10 REGOLE D’ORO DELLA SICUREZZA STRADALE

cifre incidenti

L’Automobile Club d’Italia sostiene la nuova iniziativa della FIA per la mobilità sicura Gli incidenti stradali causano nel mondo 1.300.000 vittime ed oltre 50 milioni di feriti ogni anno. Per fermare questa strage l’Automobile Club d’Italia porta nel nostro Paese la nuova iniziativa della FIA‐ Federazione Internazionale dell’Automobile con un appello on‐line nell’ambito della campagna mondiale per la sicurezza stradale “Action For Road Safety”, invitando gli automobilisti a sostenere e rispettare le 10 Regole d’Oro per una mobilità sicura. Le dichiarazioni di impegno si possono sottoscrivere sul sito http://www.aci.it e http://www.fia.com. Il campione del mondo di Formula1 Lewis Hamilton, il presidente FIA Jean Todt e il presidente ACI Angelo Sticchi Damiani sono tra i primi firmatari della dichiarazione d’impegno sulle 10 Regole d’Oro. “Come pilota di Formula1 e ancor più come campione del mondo – dichiara Lewis Hamilton ‐ ho la responsabilità di promuovere la guida sicura fuori dai circuiti sportivi. Le 10 Regole d’Oro FIA sono semplici principi che tutti dovrebbero rispettare. Esorto vivamente i miei fan a dimostrare il loro sostegno firmando online la dichiarazione d’impegno.” Jean Todt, Presidente FIA, afferma: “la sicurezza stradale è un’assoluta priorità per la FIA. Firmando la dichiarazione, rafforziamo il nostro un ruolo di protagonisti contribuendo a salvare tante vite umane”. “Sulla strada come in pista è fondamentale la più rigorosa osservanza delle regole – dichiara Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia – e chi guida deve rispettare la coscienza prima ancora del Codice della Strada: ognuno di noi sa consapevolmente cosa riesce a fare al volante e cosa no. ACI e FIA danno voce agli automobilisti più fieri del proprio ruolo sulla strada”. FIA, ACI e gli altri Automobile Club internazionali possono contare sul supporto all’iniziativa di partner mondiali come Michelin, Coca‐Cola e PETRONAS, oltre che dei sostenitori ufficiali Nissan e Iveco.10 regole

Rescue Sheet, un progetto da portare avanti

schemi per interventi di soccorso di autovetture

Il sito rescuesheet si fa promotore di un idea intelligente e utile.
Il principio è molto semplice, si tratta di mettere in condizione i Vigili del Fuoco di guadagnare tempo trovando le informazioni relative all’ubicazione degli airbags, pretensionatori delle cinture di sicurezza, serbatoi degli airbags, serbatoi del carburante, batteria etc. in un unico schema (foglio di salvataggio) . Il progetto è supportato dalla FIA foundation.

Il consiglio di Periti Auto è quello di cercare la scheda relativa alla propria auto tra i link qui sotto. Stamparla a colori e riporla nell’aletta parasole lato passeggero, come indica anche Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Particolare attenzione viene data alle le vetture ibride ed elettriche  dove si possono trovare cavi con tensioni elettriche oltre ai 600 volt .

A volte un minuto diventa prezioso, può valere una vita. 

 

Marchio Link Multilingual / designation
ABARTH Download PDF yes /”supplements/useful documents”
ALFA ROMEO Download PDF yes /”supplements/useful documents”
AUDI Download PDF yes / “Rettungskarten”
BMW/MINI Download PDF yes / “Rettungskarten”
CHEVROLET Download PDF yes / “Rescue information”
CITROEN Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
CS-Reisemobile Download PDF no / “Rettungskarte”
CHRYSLER Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
DACIA Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
DAIHATSU Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
Dethleffs (Wohnmobil) Download PDF no / “Rettungskarten”
DODGE Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
E-WOLF Download PDF no / “Rettungskarte”
FIAT Download PDF yes /”supplements/useful documents”
Fiat professional Download PDF yes /”supplements/useful documents”
FORD Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
HONDA Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
HYUNDAI Download PDF no / “Rettungsdatenblätter, pdf”
INFINITI Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
ISUZU Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
JAGUAR Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
JEEP Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
KARABAG Download PDF no / “Rettungskarte”
KIA Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
LADA Download PDF no / “Rettungskarten”
LAND ROVER Download PDF no / “Rettungsblätter”
LANCIA Download PDF yes / “select a model”
LEXUS Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
LUIS Download PDF no / “Rettungskarten”
MAYBACH Download PDF yes / “Rettungskarte Pkw”
MAZDA Download PDF no / “Rettungskarten”
MERCEDES Download PDF yes / “Rettungskarte Pkw”
MITSUBISHI Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
NISSAN Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
OPEL Download PDF yes / “Rescue information”
PEUGEOT Download PDF no / “Rettungskarte”
PORSCHE Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
RENAULT Download PDF no / “Rettungskarten”
RUF Download PDF yes / “Downloads”
SAAB Download PDF yes / “Rescue information”
SEAT Download PDF no / “Rettungsdatenblatt”
SKODA Download PDF no / “Leitfaden Retten und Bergen pdf”
SMART Download PDF yes / “Rettungskarte Pkw”
SSANGYONG Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
SUBARU Download PDF no / “Informationen für Rettungsdienste”
SUZUKI Download PDF no / “Rettungskarte”
Tesla Download PDF yes / “Quick Reference Guides”
Th¡nk City Download PDF yes / “Rettungskarten”
TOYOTA Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
VW Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”
VOLVO Download PDF no / “Rettungsdatenblätter”

I SIMBOLI

rescue sheet

ESEMPIO DI SCHEDA

ESEMPIO RESCUE SHEET FOGLIO SOCCORSO

La Formula E debutta in pubblico a Las Vegas

formula E   Gli organizzatori della FIA del Campionato di Formula E (http://www.fiaformulae.com/home) hanno  rivelato con la prima dimostrazione pubblica la nuova vettura Spark – Renault SRT_01E Formula E  a Las Vegas , Stati Uniti d’America , il 6 gennaio 2014.

L’ auto da corsa completamente elettrica ha completato il suo test di debutto con successo e sarà ora presentato agli ospiti invitati , i media e il pubblico, durante lo speciale evento presso il Mandalay Bay Resort and Casino in concomitanza con il CES International – una esposizione  di elettronica e tecnologia di consumo, fiera a livello mondiale che si svolge ogni anno a gennaio a Las Vegas , Nevada .

La vettura era guidato dall’ ex pilota di F1 Lucas di Grassi  ed è in grado di raggiungere velocità superiori a 240 km/h. E’ stata progettata e costruito da Spark Technologies Corse , insieme ad un consorzio di nomi leader nel motorsport , tra cui Dallara (telaio) , Williams (progettazione batteria) , McLaren ( trasmissione ed elettronica) , Renault ( integrazione di sistema ) e Michelin (pneumatici) .

Alejandro Agag , CEO di promotori della serie Formula E Holdings , ha detto prima dell’evento : ” Sarà uno spettacolo fantastico e un ottimo modo per noi di iniziare il nuovo anno in un modo molto positivo . 2014 è, naturalmente , un grande anno per la Formula E con il campionato che partirà a Pechino nel mese di settembre 2014. Prima di allora vogliamo mostrare questa straordinaria vettura completamente elettrica a quante più persone possibile, in modo che possano vedere , e sentire , per guardare al futuro . ”

Per vedere i filmati della nuova Formula E clicka qui

COSA SONO I CRASH TEST

I crash test eseguiti nell’ambito del programma EuroNCAP servono per valutare ancor più estesamente le prestazioni di sicurezza passiva dei veicoli omologati.
A differenza dei test eseguiti per la omologazione dei veicoli – nei quali occorre dimostrare il superamento di una “soglia” di valori di qualità per vari aspetti. Nei test Euro-NCAP, infatti, i veicoli si rivelano ben diversi tra loro: alcuni proteggono meglio di altri in caso d’urto, oppure l’abitacolo si deforma di meno rispetto ad altri.Le prove di Euro-NCAP attualmente sono quattro:
prova di impatto frontale contro ostacolo deformabile: il veicolo in prova viene spinto a 64 km/h contro un blocco fisso formato da vari strati sovrapposti di alluminio a “nido d’ape” (simula il frontale di un’altra auto), sfalsato rispetto al centro del veicolo. All’interno, debitamente allacciati alle cinture di sicurezza, sono collocati dei “manichini strumentati”, corredati cioè di strumenti che rilevano le decelerazioni in ogni istante. I valori registrati dagli strumenti, le deformazioni subite dalla carrozzeria e dai manichini e l’analisi dei fotogrammi delle riprese ad alta velocità durante l’urto consentono di attribuire le “stelle” (da una a cinque) del comportamento del veicolo e delle sue dotazioni di sicurezza (cinture, airbag) in questa situazione. Il test è più severo rispetto a quello dell’omologazione, che si svolge ad una velocità di 56 km/h.
prova di impatto laterale: contro il veicolo in prova, fermo, viene sospinto a 50 km/h un pesante carrello con un frontale deformabile (del tipo di quello della prova precedente) che lo va ad urtare in un punto preciso, all’altezza del bacino di un conducente “medio”; anche in questo caso all’interno è posizionato un “manichino strumentato”
prova di urto laterale contro un palo: il veicolo in prova viene spinto a 29 km/h lateralmente contro un palo di acciaio fissato al suolo, che lo urta nello stesso punto della prova precedente; si misura l’intrusione del palo dentro l’abitacolo e soprattutto il grado di protezione offerto alla testa del conducente
prova di impatto contro pedone: in questo caso sono degli “impattori” (tubi o calotte di materiali plastici particolari, con caratteristiche di deformazione simili a quelle del corpo umano, con inseriti degli strumenti di misura delle decelerazioni) ad essere proiettati contro vari punti della parte anteriore della carrozzeria del veicolo, simulando un investimento a 40 km/h; si misurano le decelerazioni ed il grado di “aggressività” della parte anteriore della carrozzeria nei confronti di un pedone adulto e di un bambino
Il comportamento del veicolo, nelle varie prove, viene sintetizzato con l’attribuzione delle “stelle” ed un giudizio valutativo (buono, adeguato, mediocre, scarso, insufficiente) sui singoli aspetti. Ciò consente di effettuare facilmente delle valutazioni comparative tra vari modelli; tuttavia, queste valutazioni hanno piena validità tra veicoli della stessa categoria (utilitarie, familiarie ecc.) mentre – per le modalità stesse di attribuzione delle “stelle” – possono essere inadeguate per le valutazioni tra veicoli di categorie diverse.I test Euro-NCAP sono finanziati dall’Unione Europea, con il concorso di numerosi partners:
FIA – Federation Internationale de l’Automobile
AIT – Alliance Internationale de Tourisme
Gli organismi statali per la sicurezza stradale di Germania, Francia, Regno Unito, Olanda
Gli Automobile Club di Germania, Regno Unito, Austria, Olanda
Organizzazioni di consumatori di Francia, Germania, Regno Unito
      Alfa Romeo Crash-Test Results, Alfa Romeo Safety Information, Alfa Romeo Insurance Data

Mentre la FIA ed altri enti eseguono crash test per capire il grado di pericolosità e quindi per converso di sicurezza delle vetture, il CESTAR li esegue per  verificare la danneggiabilità di una vettura a parità di forza e direzione d’impatto in un dato punto di applicazione.