Alta Finance lancia la convenzione RC professionale rivolta ai Periti Assicurativi

Schermata 2014-10-06 alle 09.33.09Alta Finance, in collaborazione con PeritiAuto – Associazione di Categoria dei Periti Assicurativi iscritti al Ruolo Nazionale Periti Assicurativi R.N.P.A. tenuto da CONSAP S.p.A. in campo Automotive che si prefigge di fornire formazione ai propri associati ed informazione a tutti gli iscritti direttamente o indirettamente presso i social network collegati lancia la nuova copertura di Responsabilità Civile Professionale per il Perito Assicurativo dedicata a tutti gli Associati.

Il programma assicurativo è stato sviluppato con alcuni Syndacate Lloyd’s e prevede massimali da € 250.000 a € 1.500.000 per soddisfare le principali esigenze di copertura con premi a partire da € 150,00.

Per maggiori informazioni: convenzioneperitiauto@altafinance.eu

dal sito www.altafiance.eu

#peritiauto

#peritiassicurativi

Alta Finance Spa e AgenziAssicurazioni® annunciano la loro partnership

Alta-Finance-e-AgenziAssicurazioniAlta Finance, Broker wholesale, che ha come missione diventare il primo interlocutore dell’Intermediario Assicurativo Professionista, e AgenziAssicurazioni, network di circa 50 agenzie assicurative specializzato nella gestione di convenzioni assicurative, entrambi operanti sull’intero territorio nazionale, annunciano una partnership volta a generare competitività, riconoscibilità e redditività per le proprie reti distributive.

Il progetto nasce”, spiega Roberto Cecconi, Amministratore Delegato di Alta Finance, “dalla profonda condivisione di una comune filosofia di business”. E aggiunge “Sia Alta Finance sia AgenziAssicurazioni credono fortemente nella collaborazione tra Intermediari assicurativi e nella necessità, per prosperare nell’attuale mercato, di non esasperare la competizione ma, anzi, di condividere opportunità di business che possano generare massa critica e, quindi, forte potere negoziale nei confronti degli emittenti. In tale ambito il ruolo di Alta Finance è quello di progettare, negoziare e mettere a disposizione di AgenziAssicurazioni coperture esclusive, che rispondano a esigenze concrete, attuali e contestualizzate a premi competitivi”.

Aggiunge Alberto Duranti, ideatore di AgenziAssicurazioni I colleghi Intermediari, ed in particolare gli Agenti, affrontano oggi problemi nuovi ai quali sono spesso impreparati. Tra questi le difficoltà insite nel monomandato, che non sempre riesce ad offrire soluzioni ad un mercato in rapida evoluzione, commissioni in calo che richiedono una gestione economica più oculata ed impossibilità ad affrontare nuovi modelli di business per mancanza di supporto e risorse. E prosegue “AgenziaAssicurazioni e Alta Finance hanno da sempre un obiettivo in comune, risolvere le problematiche dell’intermediario assicurativo. In tale ambito il ruolo di AgenziAssicurazioni, coerentemente con la propria missione, è quello di rendere disponibili per la propria rete le migliori convenzioni e soluzioni per amplificare la capacità di business dei propri associati”.

Nasce così una partnership inedita ed ambiziosa che mira a fornire elevato valore aggiunto in ciascuno dei tre grandi ambiti che, oggi, possono determinare la prosperità di un intermediario assicurativo, ovvero: ottimizzazione dei costi, disponibilità di prodotti adeguati e costante aggiornamento del proprio know-how.

Per quanto riguarda l’ottimizzazione dei costi la partnership mira a sollevare l’intermediario associato ad AgenziAssicurazioni da ogni attività di back-office, di analisi del rischio e di ricerca della migliore quotazione lasciando maggiore tempo per la gestione commerciale della propria impresa. Questo primo importante traguardo viene raggiunto con l’ausilio dello staff tecnico di Alta Finance a cui gli associati di AgenziAssicurazioni possono accedere in modo autonomo.

Circa la disponibilità di prodotti adeguati Alta Finance opera attraverso oltre 60 rapporti di collaborazione con Compagnie nazionali ed internazionali, Alta Finance è corrispondente Lloyd’s ma, soprattuto, adotta un modello orientato a sviluppare in stretta collaborazione con gli assicuratori prodotti dai capitolati innovativi e contestualizzati rispetto alle mutevoli esigenze del mercato.

AgenziAssicurazioni di contro gestisce oltre 50 convenzioni con Ordini e Associazioni consentendo ai propri associati di accedere, sul proprio territorio di riferimento, a clientela qualificata che viene indirizzata loro per aderire a ciascuna convenzione.

Riguardo infine al know-how la partnership tra AgenziaAssicurazioni e Alta Finance, entrambe realtà fortemente orientate alla comunicazione e alla formazione continua, prevede nei prossimi mesi la creazione di una piattaforma di formazione proprietaria che possa far fronte a tutte le esigenze di aggiornamento, obbligatorio e volontario, delle reti distributive delle due realtà e di tutti quegli intermediari che desiderano avvicinarsi ad esse.

La partnership quindi”, spiega Roberto Cecconi, Amministratore Delegato di Ata Finance Spa, “non solo consentirà alle nostre due realtà, già in forte crescita, di proseguire i progetti di sviluppo intrapresi ma sarà anche di grande utilità per le rispettive reti. Agli intermediari saranno resi disponibili modelli di business, soluzioni assicurative e iniziative formative capaci di creare maggiore redditività, disponibilità dei migliori prodotti e quindi competitività e, non ultimo, un rafforzamento del brand e quindi maggiore visibilità ed attrattività sul mercato. 

Desideriamo rendere accessibili tutte le soluzioni assicurative create congiuntamente per il mercato di riferimento del gruppo, sfruttando tutte le soluzioni tecnologiche oggi disponibili”. 

Conclude Alberto Duranti, ideatore di AgenziAssicurazioni: “AgenziaAssicurazioni e Alta Finance credono fortemente nella collaborazione tra intermediari e nella necessità di fornire loro servizio mettendoli in condizione di continuare a prosperare anche in un contesto che sta cambiando profondamente. Ecco perché, il nostro fine ultimo, è quello di rivitalizzare gli intermediari attraverso una pluralità di prodotti, servizi e soluzioni disponibili per i nostri partner attuali e per tutti coloro che vorranno entrare a far parte delle nostre reti distributive nel prossimo futuro”.

ALTA FINANCE S.P.A. RICERCA SUBAGENTI SU GENOVA E SAVONA

altafinance logo Alta Finance – http://www.altafinance.eu – è un Broker Wholesale operante sull’intero territorio nazionale che punta fortemente sulla propria diversità. Una diversità che si fonda su una profonda capacità di analizzare il mercato ed i bisogni dei singoli Intermediari – Clienti, così da identificare sempre, all’interno dell’ampio portafoglio disponibile, non il prodotto migliore ma le migliori soluzioni per ottimizzare ed amplificare il business della propria rete.
Alta Finance ha infatti come primario obbiettivo diventare il primo interlocutore dellʼIntermediario Assicurativo professionista, aggregare, condividere Know How, offrire servizio, strutturare soluzioni, con un fine: “migliorare le performance di coloro che ci danno fiducia”.

Ricerchiamo Subagenti 

• iscritti alla sezione E del RUI;
• basati nelle province di GENOVA e SAVONA;
• con PORTAFOGLIO selezionato retail e/o corporate compreso tra 750.000 e 1,5 milioni di Euro;
• desiderosi di condividere un progetto di CRESCITA che possa portare, nellʼarco di 18-24 mesi a raddoppiare la propria REDDITIVITA’.

Offriamo

• SOLUZIONI ASSICURATIVE: con oltre 60 rapporti di collaborazione con compagnie nazionali ed estere, prodotti contestualizzati ed esclusivi, accesso al mondo Lloyd’s e ampia offerta specialistica (Rimborso Spese Mediche, RC Professionale, Anatocismo ed Usura, etc.);
• RIDUZIONE DEI COSTI OPERATIVI: grazie alla possibilità di utilizzare i nostri prestigiosi uffici di Via Corsica in Genova, supporto logistico, operativo ed amministrativo, staff tecnico dedicato ai diversi rami assicurativi;
• UN MODELLO DI BUSINESS VINCENTE: che libera tempo e risorse per concentrarsi sui bisogni della propria clientela acquisita e sullo sviluppo di nuovi clienti consentendo di ampliare le occasioni di profitto attraverso un’offerta completa e
competitiva

Tutti gli interessati possono candidarsi, inviando il proprio curriculum e una breve analisi del portafoglio assicurativo in proprio possesso, a:

commerciale@altafinance.eu
RIF. SUBAGENTI LIGURIA

MASSIMO ROSA ASSUME LA DIREZIONE COMMERCIALE, COMUNICAZIONE E MARKETING DI ALTA FINANCE SPA

Alta Finance Spa, società di brokeraggio assicurativo wholesale, annuncia l’ingresso nel proprio team di Massimo Rosa che, dal 1° aprile 2014, assume la carica di Direttore Commerciale, Comunicazione e Marketing.

Massimo Rosa

Massimo Rosa

Rosa, milanese, 46 anni, riporterà all’Amministratore Delegato Roberto Cecconi e al Presidente Mario Stornaiuolo, avendo l’incarico precipuo di sviluppare la rete distributiva di Alta Finance, oggi composta da circa 300 intermediari e la rete di relazioni con le principali compagnie domestiche e internazionali.
Rosa, Laureato in Economia Aziendale in Bocconi ha iniziato la sua carriera nel 1993 in Consulenza di Direzione e precisamente in Gruppo Galgano. Dal 1997 al 2006 è stato in Burson Marsteller dove è stato prima a capo della Divisione Corporate Communications e poi, nel 2003, ha aperto e lanciato con successo la filiale italiana dell’agenzia statunitense Marsteller Advertising. Nel 2007 ha fondato Governance Adv, agenzia di pubblicità specializzata nei mondi Banking, Assicurazioni e Finanza, poi divenuta Cabiria BrandUniverse nel 2009.
Da sempre vicino al mondo assicurativo, del risparmio, della previdenza e dei servizi finanziari in genere Rosa, nel 2012, è co-fondatore del blog Il Broker, il più seguito dal mondo dell’intermediazione assicurativa con oltre 10.000 visitatori unici mensili. Nel 2013 ha fondato Il Broker & Co., società che si occupa di editoria, convenzioni e sviluppo di reti commerciali assicurative.

Roberto Cecconi, Amministratore Delegato di Alta Finance, ha commentato “Alta Finance è un broker grossista che punta fortemente sulla propria diversità. Una diversità che si fonda su una profonda capacità di analizzare il mercato ed i bisogni dei singoli intermediari-clienti, così da identificare sempre, all’interno dell’ampio portafoglio disponibile, non il prodotto migliore ma le migliori soluzioni per ottimizzare ed amplificare il business della propria rete. Per questo, in Alta Finance, abbiamo intrapreso una strada di innovazione volta a rendere semplice ed accessibile qualsiasi risposta, utilizzando le migliori compagnie e le più evolute piattaforme informatiche”. Cecconi ha poi aggiunto: “Seguendo la stessa filosofia ho voluto al mio fianco Massimo, un professionista e un manager molto diverso da quelli che normalmente operano nel mondo assicurativo. Le sue spiccate doti comunicative, l’ampia rete di relazioni e l’apertura mentale propria di chi non nasce nel settore, ma vi approda per scelta dopo rilevanti esperienze professionali e manageriali, sono le caratteristiche che ricercavamo e che abbiamo trovato in Massimo cui do il benvenuto nella squadra Alta Finance”.

Per maggiori informazioni:
info@altafinance.eu
339 733 2019
______________________________________________________________________________________________________________________
Alta Finance Spa è una società di brokeraggio assicurativo wholesale nata a Genova nel 2011. Forte della pluriennale esperienza del proprio management nel settore assicurativo. Alta Finance sviluppa soluzioni assicurative con le più importanti compagnie specializzate italiane ed estere per condividere con gli intermediari italiani il vantaggio competitivo e la capacità negoziale proprie delle più importanti realtà di intermediazione assicurativa. Alta Finance in qualità di broker wholesale non si vuole infatti limitare ad essere un fornitore di prodotti ma intende promuovere un nuovo business model che prevede l’integrazione dei servizi offerti e la condivisione delle migliori piattaforme informatiche al fine di rendere concreta e proficua la collaborazione con gli intermediari retail.

ANIA e PD tagliano il danno da morte e alla persona

danno da morte

A pagare i profitti delle compagnie assicurative saranno le vittime della strada e gli artigiani carrozzieri, costretti a stringere patti con le compagnie per sopravvivere.

Continua il dibattito sulla riforma delle RC Auto e sull’introduzione di nuovi parametri di riferimento per il calcolo del risarcimento in caso di sinistro stradale. Unica costante nella vicenda, però, sembra essere il tentativo di favorire la lobby delle compagnie assicurative a spese dei contribuenti e delle vittime.Il Gruppo Pd, infatti, anziché concentrarsi sui punti contenuti nella Carta di Bologna, sostenuta da oltre 30 associazioni del settore, ha deciso di sposare l’emendamento presentato in Parlamento da CNA e le Confederazioni, tramite rete Imprese Italia che obbligherà i riparatori a concordare preventivamente il costo della riparazione con il perito assicurativo.E’ stata inoltre manifestata la volontà di intervenire sulle lesioni gravi e gravissime e sul danno da morte.

“Questi emendamenti uccideranno un’intera categoria di artigiani, i carrozzieri, e il diritto delle vittime ad essere risarcite. – Ha commentato Stefano Mannacio, membro CUPSIT – Comitato Unitario Patrocinatori Stragiudiziali Italiani. – Ora succederà ciò che è già successo per i colpi di frusta: i periti saranno istruiti dalle direzioni generali a risarcire sulla base di parametri rigorosamente stabiliti dalle compagnie. Le trattative stragiudiziali si bloccheranno. Per ottenere un risarcimento integrale bisognerà fare cause defatiganti. E, come se questo non fosse un quadro già abbastanza tragico, ben presto le compagnie avranno in pugno anche gli artigiani carrozzieri, costretti a piegarsi alle loro richieste per mantenere in vita la propria officina.”

“Stanno cercando di svendere il nostro lavoro al miglior offerente, ma Federcarrozzieri venderà cara la pelle dei propri associati! – Ha dichiarato Davide Galli, Presidente di Federcarrozzieri. – Il settore degli artigiani carrozzieri si trova in un momento di profonda difficoltà, con la più alta pressione fiscale d’Europa, che uccide ogni giorno decine di officine e limita la concorrenza, favorendo il lavoro sommerso, ingrassando le tasche di artigiani abusivi e favorendo le aziende che hanno personale a nero. Con i nuovi emendamenti saranno le Compagnie a stabilire il costo del nostro lavoro. Abbiamo incontrato tutti, dalla commissione finanza alla senatrice Vicari, ora è rimasto sola una persona da incontrare, appuntamento confermato.

Consegneremo le chiavi delle carrozzerie associate e i documenti dei consorzi che insieme a Federcarrozzieri prendono le distanze dalle confederazioni invitando i propri iscritti ad abbandonare la nave non rinnovando le
tessere confederali.”

Indignato il commento alla vicenda da parte dell’Associazione Italiana Familiari delle Vittime della Strada Onlus, che ha deciso di inviare una lettera aperta ai rappresentanti delle Istituzioni e dei Partiti presenti in parlamento. “Siete ancora in tempo per riaffermare agli occhi dei cittadini la Vostra dignità e il vostro ruolo di rappresentanza sociale, impedendo che si compia un vergognoso colpo di mano nella definizione del decreto “Destinazione Italia”, a danno delle vittime. – Scrive il Presidente Giuseppa Cassaniti Mastrojeni. – Non possiamo accettare che addirittura la sinistra sia a favore della diminuzione dei risarcimenti alle vittime. Smettetela di raccontare la favola dei risarcimenti e delle tariffe più basse in Europa rispetto all’Italia.”

Di seguito l’elenco completo dei punti contenuti all’interno della Carta di Bologna:

1. Portabilità delle polizze (Loi Hamon )

2. Riduzione tasso concentrazione sul mercato delle compagnie assicuratrici

3. Reale indipendenza di Ivass e Antitrust

4. Rottamazione risarcimento diretto

5. Libertà di scelta del riparatore (Loi Hamon )

6. Libera circolazione dei diritti di credito

7. Tutela delle Vittime con integrali risarcimenti

8. Libertà di scelta nelle cure

9. Libertà di valutazione del medico legale

10. Pene certe per i pirati della strada

11. Attenzione alla sicurezza attiva e passiva

12. Agenzia antifrode in campo assicurativo

La Carta di Bologna è stata promossa da: Federcarrozzieri, Associazione Familiari Vittime della Strada

(AIFVS), il Sindacato Italiano Specialisti in Medicina Legale e delle Assicurazioni (SISMLA), Assoutenti, il

Comitato Unitario Patrocinatori Stragiudiziali Italiani (CUPSIT), la Commissione RC dell’Organismo Unitario

dell’Avvocatura (OUA), l’Unione Avvocati Responsabilità Civile e Assicurativa (UNARCA), l’Associazione

Culturale Mo Bast!, l’Associazione Valore Uomo e lo Sportello dei Diritti.

Oltre alle associazioni promotrici, hanno sostenuto l’iniziativa Associazioni Carrozzieri Sardegna, Banca del

Veicolo, Consorzio Carrozzerie Artigiane, Consorzio Carrozzieri Artigiani, Consorzio Carrozzieri Bresciani,

Consorzio Autoriparatori Pontini, Consorzio In Rete Car, Rete Amica Carrozzeria della Val d’Aosta,

Associazione Periti Campani, Consorzio Carrozzieri Trentini, Consorzio TUO Torino, Carrozzeria Aperta,

Centro Tutela Consumatori Risparmiatori, Consorzio Gruppo Carrozzieri, Evolgo! Rete Impresa Carrozzeria

Italiane, Rete Carrozzeria Trasparente, SISCESA CISL – Sindacato Italiano Consulenti ed Esperti del Settore

Assicurativo, SISPA UGL – Sindacato Italiano Periti Assicurativi, UNILPI – Unione Nazionale Italiana Liberi

Professionisti e Infortunistiche, Consorzio Carrozzerie Riunite, Associazioni Carrozzieri della Provincia di

Genova, Centro Artigiano di Revisione, Gruppo Autoriparatori Uniti e SicurAUTO.it.

Responsabilità Civile Professionale

Torus Insurance Il 15 agosto scorso è entrato in vigore l’obbligo di stipulare una polizza per la responsabilità civile professionale anche per i professionisti iscritti in ordini e collegi. Obbligo che, in realtà, è già vigente dall’agosto del 2012 per tutte le altre professioni regolamentate e non. Tra queste rientra la categoria dei Periti Assicurativi poiché l’attività peritale, pur essendo regolamentata dalla legge, non ha un ente esponenziale che si identifica in una delle due tipologie istituzionali.

Il differimento di un anno degli obblighi indicati dall’articolo 3, comma 5, lettera e) del D.L. n. 138/2011 n. 137, era stato approvato per dare la possibilità agli ordini professionali di agevolare i propri iscritti nella stipula di una copertura assicurativa attraverso convenzioni collettive, senza la necessità di doversi rivolgere direttamente alle imprese assicurative, la cui maggior parte non si era ancora organizzata per profilare prodotti ad hoc a costi ragionevoli.

Il decreto del fare ha visto diversi emendamenti che volevano posticipare l’obbligatoreità, ma la stesura finale approvata non ha concesso proroghe che riguardino i Periti Assicurativi.

Alcune categorie hanno avuto ancora una proroga, ma solo quelle organizzate come detto sopra, molti altri hanno già provveduto, meno della metà pare e spesso con compagnie estere. Per tutti gli altri professionisti resta l’urgenza di provvedere alla stipula considerando anche che ll’offerta di prodotti è ancora contenuta da parte delle imprese assicurative che hanno mantenuto i costi importanti dettati dai precedenti parametri di adesione.

Periti Auto ha sottoscritto una convenzione con il broker Alta Finance s.p.a. che ha ottenuto da Torus, Compagnia dei Lloyd’s di Londra condizioni molto favorevoli. Per ricevere il materiale informativo, i premi e le condizioni visita il sito http://www.altafinance.eu/servizi-brokeraggio-assicurativo/assicurazioni-professionisti.html e contatta direttamente il broker citando la convenzione Periti Auto Ass. di Cat. oppure invia una email a info@peritiauto.it comunicando i tuoi dati e riceverai tutto il materiale nella tua posta.

AICIS Notizie

Rc auto: la metà degli italiani è in prima classe di merito

Rc auto: la metà degli italiani è in prima classe di merito

E quasi tutti hanno più di 50 anni e sono residenti al sud

Rc auto: la metà degli italiani è in prima classe di merito

Secondo un’indagine di Comparafinanza.it, azienda specializzata in servizi di comparazione on line nei settori assicurativi e finanziari, ben il 45% degli automobilisti italiani si trova in prima classe bonus-malus. Il dato dovrebbe essere abbastanza veritiero, dal momento che Comparafinanza.it ha analizzato oltre 220.000 preventivi di polizze auto da gennaio a settembre. Ma chi è l’assicurato così virtuoso? A meno che non abbia ereditato la prima classe da un familiare secondo la Legge Bersani. Per lo più si tratta di uomini, con un’età tra i 45-55 anni, pensionati e, udite udite, residente in provincia di Napoli.

PIU’ UOMINI CHE DONNE
Potendo contare mediamente su più anni con la patente, gli utenti di sesso maschile hanno una classe di merito migliore rispetto alla componente femminile (in prima classe il 35% degli uomini contro il 12% delle donne). Chi dichiara in percentuale maggiore l’appartenenza alla prima classe di merito sono i pensionati (il 61% della categoria, che può contare su più anni dietro al volante, dichiara di essere in prima classe), seguiti dagli impiegati (51%), e dalla categoria dei casalinghi (uomini o donne, 45%). Sul fondo della graduatoria, seppur staccati di poco dagli studenti per ovvi motivi di età, ci sono gli operai (38%) e gli studenti (40%).

PIU’ SUD CHE NORD
A primeggiare tra le province virtuose italiane, come detto, è Napoli: sul totale di utenti del campione provenienti da questa provincia, ben il 62% dichiara di essere in prima classe, seguono Reggio Calabria (60%) e Caserta (57%), tutte città che contano su una alta concentrazione di assicurati. La maglia nera spetta invece ai cittadini della provincia di Milano (34%), Torino (35%) e Bologna (36%).

Per saperne di più consulta la guida alle assicurazioni di OmniAuto.it

Autore: Daniele Pizzo

http://www.omniauto.it/magazine/21481/rc-auto-la-meta-degli-italiani-e-in-prima-classe-di-merito