Frodi assicurative in penisola sorrentina e Rolex da 100mila euro: la vicenda su “Metropolis” e “Il Mattino” – Positanonews

La notizia ripresa anche da quotidiani regionali e locali, tra cui Il Mattino con Dario Sautto e Metropolis, che parlano di un Rolex da 100mila euro nella mega collezione che i finanzieri hanno sequestrato all’imprenditore Gianluca Izzo, accusato di una serie di truffe assicurative portate avanti anche con falsi incidenti utilizzando la sua Ferrari California bianca. Ieri mattina i finanzieri del gruppo di Torre Annunziata, a chiusura di indagini condotte dalla tenenza di Massa Lubrense e coordinate dalla Procura oplontina, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, emesso dal gip proprio su richiesta degli uffici inquirenti. Lo scorso 6 ottobre Izzo era finito ai domiciliari insieme a Giovanni Pane, 45enne avvocato civilista con studio a Meta, Vincenzo Polito, 52enne perito di Castellammare residente a Casola e il medico legale Giuseppe Luigi Arpaia, 70enne di Pompei. Durante la perquisizione nell’abitazione del 45enne di Vico Equense, frequentatore degli ambienti della Sorrento «bene», era spuntata l’incredibile collezione di orologi: in totale 33 (di cui 32 Rolex), tra cui un modello da 100mila euro. In garage, poi, accanto alla Ferrari California intestata a un trust straniero erano parcheggiati altri otto veicoli d’epoca (un’auto e sette moto), mentre sempre in casa sono stati sequestrati 10mila euro in contanti. Dopo una perizia accurata, è stato stabilito il valore totale del sequestro eseguito ieri che ammonta a 585mila euro, di cui 537mila euro solo in orologi.
Il sequestro chiude la prima parte dell’inchiesta che ha scosso la penisola sorrentina. La maxi truffa si è concretizzata all’interno dell’ufficio del giudice di pace di Sorrento grazie a due cause di risarcimento per incidenti mai avvenuti, una delle quali proprio utilizzando la Ferrari. I quattro arrestati, insieme ad altre 6 persone indagate a piede libero, sono accusati a vario titolo di corruzione in atti giudiziari, falsa perizia, falsa testimonianza e frode alle assicurazioni. Dopo i ricorsi al Riesame, le accuse hanno retto e i quattro restano tuttora ai domiciliari. Le successive indagini patrimoniali hanno permesso ai finanzieri anche di ricostruire la sproporzione tra i redditi dichiarati da Izzo e la reale disponibilità di beni. I racconti sorrentini parlano del 45enne che, tutti i giorni, sfoggiava due Rolex ai polsi. Le indagini hanno fatto emergere un inquietante quadro di connivenza da tra alcuni professionisti della penisola sorrentina e una serie di consulenti, nominati di volta in volta dai giudici di pace a cui venivano assegnate le cause per i falsi incidenti. Se il medico legale aveva attestato una finta lesione permanente facendosi pagare un certificato appena 200 euro, il perito assicurativo – intercettato – avrebbe anche dato consigli a Izzo e Pane su come far salire il risarcimento per il finto incidente della Ferrari, incassando 1500 euro per la perizia fasulla. Gli stessi Izzo e Pane avrebbero commentato la nomina del dottor Arpaia «che una volta, per un colpo di frusta, mi ha fatto prendere 18mila euro».

Sorgente: Frodi assicurative in penisola sorrentina e Rolex da 100mila euro: la vicenda su “Metropolis” e “Il Mattino” – Positanonews

Falsi incidenti stradali: cade l’associazione a delinquere. Condannati in 19

Falsi incidenti stradali: cade l’associazione a delinquere. Condannati in 19

Si chiude il processo scaturito dalla clamorosa inchiesta che nel 2014 sfociò in tredici ordinanze di custodia cautelare. Non ha retto l’accusa di associazione a delinquere e in molti casi è intervenuta la prescrizione

L’ingresso dell’aula bunker del carcere di Lecce dove si è celebrato il processo

LECCE – E’ arrivato il verdetto nel processo scaturito dall’operazione “Micosca” su una serie di incidenti stradali organizzati a tavolino per ottenere i premi assicurativi. Dei 62 imputati (due dei quali nel frattempo deceduti), tra automobilisti, titolari di autocarrozzerie, medici e avvocati del foro di Lecce, coinvolti otto anni fa nell’inchiesta condotta dal sostituto procuratore Antonio Negro (oggi aggiunto a Brindisi), sono stati condannati in 19.

La Corte composta dal presidente Fabrizio Malagnino e dai giudici Annalisa De Benedictis e Marcello Rizzo ha preso atto che per la maggior parte degli imputati fosse intervenuta la prescrizione e ha disposto così il non doversi procedere. E’ caduto, inoltre, su richiesta della stessa pubblica accusa, l’addebito più grave, di associazione a delinquere, mosso inizialmente nell’inchiesta che, partita dalla denuncia di “Unipol Assicurazioni” riguardo a episodi avvenuti tra il 2008 e il 2010, nel 2014 sfociò in tredici ordinanze di custodia cautelare.

Le condanne

La pena più alta, a quattro anni e mezzo di reclusione, ha colpito sia l’avvocato Donato Maruccia, 44 anni, di Corigliano d’Otranto, sia il medico Claudio Girasoli, 50 anni, originario di Roma ma residente a Lecce. Raggiunge i quattro anni tondi invece la condanna inflitta a Lorenzo Micocci (già dipendente come liquidatore di Unipol Assicurazioni spa), 46, residente a Botrugno; un anno col beneficio della pena sospesa per gli altri 16 imputati: Leonardo Impero Delle Donne, 56, di Martignano; Alessandro Leucci, 31, di Botrugno; Carmelo Basile, 61, di Maglie; Luigi Campanile, 68,  a Maglie; Antonio Miccoli, 66, di Soleto; Tommaso Miccoli, 33, di Galatina; Angela Leone, 47, di Botrugno; Maria Grazia Leucci, 26, di Botrugno; Grazia Miggiano, 81, di Botrugno; Aleandro Moretti, 33, di Melpignano; Sara Moretti, 31, di Melpignano; Gianluca Toma, 43, di Cursi; Simonetta Toma, 47, di Cursi; Anna Della Stella, 34, di Maglie; Sergio De Blasi (titolare dell’omonima ditta), 39, di Martano; Salvatore De Blasi, 80, di Martano.

La sentenza, le cui motivazioni saranno depositate entro 90 giorni, contempla il risarcimento del danno, in separata sede, alle parti civili: Italiana Assicurazione Spa, rappresentata dall’avvocato Andrea Starace, e Unipol Assicurazioni spa, con l’avvocato Maurizio Merlini (del foro di Bologna), nei confronti delle quali sono state disposte anche provvisionali che vanno da 2mila a 15mila euro.

Le assoluzioni

La sentenza ha accolto in buona sostanza le richieste formulate dal procuratore Negro che, il 27 gennaio scorso, al termine della requisitoria, aveva chiesto per molti degli imputati il non doversi procedere per intervenuta prescrizione, ma anche che venisse “depennato” il reato associativo, “non essendo stata raggiunta la prova, al di là di ogni ragionevole dubbio, dell’esistenza del vincolo associativo dell’organizzazione imputata, tale da integrare la fattispecie di cui all’articolo 416, caratterizzata appunto dal preventivo accordo a carattere generale e continuativo tra gli imputati”.

Ci sono state anche delle assoluzioni per “non aver commesso il fatto” e “perché il fatto non sussiste” e hanno riguardato, a vario titolo: Leonardo Corlianò (titolare dell’omonima ditta di autocarrozzeria), 62 anni, di Zollino; Luigi Gabriele De Giorgi, 65, di Lecce; Osvaldo Dell’Onze (perito assicurativo), 72, di Lecce; Antonio Martella (titolare dell’omonima carrozzeria), 56, di Surbo; Donatella Russo, 46, di Scorrano; Alessandro Sbocchi (titolare della Sbocchi sas), 47, di Castrignano dei Greci; Nicola Scardino (già dipendente, come liquidatore, della Unipol Assicurazioni spa); Giorgio Stomeo (perito assicurativo), 68, di Lecce; Monica Francesca Vinci (avvocato), 46 anni, residente a Lecce; Cosimo Amatulli, 41, di San Pietro Vernotico; Flavio Carrozzo (fisioterapista), 48, di Galatina; Lidia De Riccardis, 36, residente a Corigliano d’Otranto; Alessandro Bongiorno, 33 anni, di Lecce; Alessandro Gemma, 45, di Maglie; Piero Mancarella, 31, di San Donato Lecce; Carmen Maniglio, 40, di Lecce; Andrea Maniglio, 43, di Lecce; Brizio Pantaleo Mercuri, 48, di Lecce; Vincenzo Micocci, 48, di Botrugno; Francesca Plevi, 47, di Lecce; Maurizio Spedicato (avvocato del Foro di Lecce), 42, di Monteroni e Furio Rubino (medico), 60, residente a Lecce.

Ecco tutti i nomi degli altri imputati per i quali è stata disposto il non doversi procedere per intervenuta prescrizione: Rosanna Mangia, 61, di Soleto; Vincenzo Angelini, 46, di Surbo; Fabrizio Brindisino (fisioterapista), 36, di Lequile; Fabio Coluccia, 30, residente a Bagnolo del Salento; Anna Francesca De Giuseppe, 50, di Uggiano La Chiesa; Francesco Luigi Dell’Anna, 42, di Martignano; Giovanni De Matteis, 37, di Surbo; Juan Pablo Ferrari, 41 anni, residente a Roma; Pietro Mancarella, 64, di Lecce; Raffaele Mancarella, 36, di Surbo; Ivano Marchello (medico specialista in medicina legale), 63, residente a Lecce; Giuseppe Mele, 65, di Castrignano dei Greci; Matteo Micocci, 42 anni, di Botrugno; Simone Moschettini, 27, di Martano; Rosaria Margherita Placì, 95, di Lecce; Gaetano Rubrichi, 55, di Uggiano La Chiesa; Anastasia Schito, 35, di Lecce; Sofia Zecca, 62, di Lecce; Vincenza Zecca, 66, residente a Lecce;

La sentenza è stata di non doversi procedere anche nei riguardi di Alfonso Giulio De Carlo (medico specialista in ortopedia e traumatologia), di Monteroni, e Giuseppe Calogiuri (medico specialista in ortopedia e traumatologia), di Lizzanello, che nel frattempo sono deceduti.

Tra gli avvocati che hanno sostenuto la difesa: Giuseppe Corleto, Stefano Pati, Roberto Rella, Giancarlo Dei Lazzaretti, Luigi Corvaglia, Giampiero Tramacere, Vincenzo Blandolino.

Sorgente: Falsi incidenti stradali: cade l’associazione a delinquere. Condannati in 19

Videoperizia dei danni all’auto: è polemica

I periti sollevano qualche dubbio sull’utilità della videoperizia assicurativa: le parti danneggiate della vettura che sono visibili vengono fotografate tramite automobilista e perito.

CHE COSA STA CAMBIANDO –  Videoperizia assicurativa: ecco una delle tante eredità che la pandemia ha lasciato agli automobilisti. Numerose compagnie, per evitare che il perito si sposti e in nome del distanziamento sociale, si fanno mandare le foto delle parti danneggiate della macchina che sono visibili. A immortalare il veicolo è l’assicurato o il riparatore con uno smartphone comune, guidati dal perito o da un operatore. Dopodiché, la compagnia formula l’offerta di risarcimento. Ma Luigi Mercurio, presidente dell’Aiped (l’Associazione italiana periti estimatori danni), solleva perplessità sulla validità della videoperizia. Manca una verifica diretta delle parti danneggiate.

SOLO INDICATIVO – In realtà, secondo Mercurio, una stima del genere dovrebbe avere un valore puramente presuntivo e non dovrebbe diventare in futuro la regola per tutte le compagnie assicurative. Invece l’Ania (l’Associazione nazionale imprese assicuratrici) sostiene che questa tecnica investigativa sarà operativa anche al termine dell’emergenza sanitaria. Non è una tecnica professionale ed esaustiva, sostiene Mercurio, perché non consente analisi complete e documentate: non permette un accertamento reale. Senza considerare che possono sfuggire tutte le parti danneggiate non visibili.

QUAL È IL VERO OBIETTIVO? – Tutto questo, attacca Mercurio, avrebbe l’unico obiettivo di far risparmiare le compagnie: zero spese riferite ai consulenti. A tutto svantaggio degli automobilisti. L’Aiped denuncerà, alle varie autorità di controllo, l’utilizzo generalizzato della videoperizia.

Sorgente: Videoperizia dei danni all’auto: è polemica

Nuove opportunità di lavoro in ATM con diploma e laurea 

L’azienda di trasporto ATM ha nuove opportunità di lavoro. I profili ricercati prevedono come titolo di studio il diploma o la laurea. Il Gruppo offre periodicamente opportunità lavorative per giovani alla prima esperienza, con assunzioni e stage, e per coloro che intendono fare carriera. Le figure che supereranno la selezione dovranno lavorare nel territorio di Milano e provincia. Ecco le nuove opportunità di lavoro in ATM con diploma e laurea.

Posizioni aperte

Le figure ricercate attualmente con il diploma sono:

  • macchinisti metropolitana: richiesta la patente di categoria B e il diploma con indirizzo tecnico;
  • perito assicurativo iscritto al ruolo dei periti CONSAP: diploma con indirizzo scientifico e almeno due anni di pratica;
  • conducenti di linea: richiesto il diploma e la patente di categoria DE e il CQC – Carta di qualificazione del conducente per il trasporto di persone. Esperienza pluriennale maturata in società del Gran Turismo o TPL. I candidati devono essere disponibili a lavorare su turni rotativi, che comprendono i notturni e festivi. Inoltre, è richiesta la conoscenza della lingua inglese;
  • tecnici per impianti di segnalamento ferroviario: richiesto il diploma di perito elettrico o elettromeccanico. I candidati hanno una buona conoscenza dell’utilizzo delle strumentazioni dei sistemi digitali e analogici. Conoscono la lingua inglese e sono disponibili  a lavorare a turni (compresi notturni e festivi). Inoltre, devono essere in possesso della patente B e preferibile la categoria C;
  • saldatore e operatore di armamento tranviario: richiesto diploma con indirizzo meccanico, il candidato deve essere in possesso della patente C. È richiesta esperienza di tre anni come saldatore in aziende metalmeccaniche. Inoltre, il candidato deve essere in possesso del patentino di saldatura elettrica.

Nuove opportunità di lavoro ATM con diploma e laurea

Figure ricercate attualmente con la laurea:

  • stagista area ingegneria rotabili: nei requisiti richiesta la laurea di Ingegneria Elettrica. Inoltre, è richiesta una specializzazione sistemi di trasporti elettrici;
  • praticante avvocato: richiesta laurea magistrale in Giurisprudenza, e master di diritto societario. Inoltre, è preferibile che il candidato sia iscritto al registro praticanti abilitati.

Il Gruppo ATM è sempre alla ricerca di laureati in ambito scientifico, giuridico ed economico. Un requisito fondamentale è la conoscenza della lingua inglese e dei principali pacchetti Office.

Queste sono solo alcune delle nuove opportunità di lavoro in ATM con diploma e laurea, sono circa 120 le figure ricercate. È possibile consultare nella sezione ATM tutte le offerte attive e inviare il curriculum vitae.

 

L’insurtech Vts ottiene un investimento dal gruppo Vlasic & Roth

vtsscans, insurtech

 

L’insurtech Vts ottiene un investimento dal gruppo Vlasic & Roth.

La società di consulenza Vlasic & Roth ha condotto un investimento nell’insurtech Vts. La società, con sede ad Hamburg in Michigan, fornisce una suite di servizi che sfruttano la modelizzazione 3D e la tecnologia di visual capture per semplificare e ottimizzare la gestione dei sinistri ed aiutare i periti assicurativi nella stima dei danni. Il supporto di V&R consentirà a Vts di espandersi in nuovi mercati e di effettuare investimenti in in 360Consultant, le soluzioni tecnologiche di Vts per il settore assicurativo. “I dati che raccogliamo consentono agli assicuratori e ai gestori del rischio di visitare virtualmente una proprietà”, ha affermato John Chwalibog, Ceo di Vts. “L’acquisizione di dati 3D e l’accuratezza dei dati semplificano e ottimizzano il tempo di processo di un sinistro e la stima dei danni del 50% – 70%”.

Targa prova, il Parlamento “apre” alle auto usate.

In attesa che il governo approvi il regolamento predisposto nelle settimane scorse dal ministero dei Trasporti che consentirà esplicitamente l’uso della targa prova sui veicoli già targati, in parlamento si cerca di sanare l’incertezza nella quale, dopo una clamorosa sentenza della Corte di cassazione, si trovano da qualche mese concessionarie e venditori indipendenti di auto usate. Un emendamento ad hoc predisposto da Sara Moretto, deputata di Italia Viva, si propone di modificare l’articolo 98 del Codice della strada prevedendo che “la circolazione di prova per effettuare prove tecniche necessarie per individuare malfunzionamenti o per verificare l’efficienza delle riparazioni effettuate […] è consentita anche su veicoli già immatricolati”.

Tempi comunque lunghi. L’emendamento fa parte dei circa 2.500 presentati (il termine scadeva oggi alle 12) al cosiddetto decreto milleproroghe e, purtroppo, non è scontato che supererà le forche caudine di Palazzo Montecitorio. In primo luogo dovrà passare il vaglio di ammissibilità, fissato per il 3 febbraio, poi, l’indomani, ottenere la cosiddetta segnalazione da parte dei gruppi parlamentari – il criterio a cui si ricorre per sfoltire il numero degli emendamenti da votare nei casi in cui, come questo, non è possibile esaminarli tutti. Infine dovrà ottenere (non è obbligatorio ma, ovviamente, può determinarne le sorti) il parere favorevole del ministero dei Trasporti, che dovrebbe spianare definitivamente la strada alla modifica. Si capirà la prossima settimana se, finalmente, sulla telenovela della targa prova potrà calare il sipario con il decreto milleproroghe (che dopo il via libera della Camera dovrà essere approvatro dal Senato entro fine febbraio) oppure se, invece, bisognerà aspettare i tempi più lunghi richiesti dalla modifica del regolamento del 2001 che ne disciplina l’uso. Regolamento che, appunto, secondo le più recenti interpretazioni del ministero dell’Interno e della Suprema corte di Cassazione, non ne ammette l’uso sulle auto già immatricolate.

Cercasi geometra per studio peritale a Milano

Cercato & Associati Srl

Cercato & Associati Srl, primaria società peritale nell’ambito italiano, cerca con urgenza per la sede di Milano un geometra da inserire nel settore sinistri property di frequenza. Non è richiesta esperienza nel settore.

E’ possibile far pervenire la propria candidatura all’indirizzo e-mail milano@gruppocea.eu

Per candidarti invia i tuoi dati a milano@gruppocea.eu

“Massaggiatori e guide rimasti senza indennizzi”

Massaggiatori, cuochi, guide turistiche, chinesiologi, artiterapeuti, wedding planer, tributaristi, periti assicurativi, fotografi e osteopati. Per loro niente ristori. Non sono iscritti ad alcun albo professionale e rappresentano solo alcune delle 39 tipologie di professionisti dimenticati dagli indennizzi per andare avanti. Nelle Marche, secondo una indagine dell’osservatorio professioni Cna, sono 9 mila, pari all’1,5 per cento degli occupati e contribuiscono al Pil regionale con 130 milioni di redditi annui complessivi. Come vanno avanti? Male. “Uno su due è stato costretto a fermarsi – afferma Gino Sabatini, presidente Cna Marche – durante la crisi pandemica. Solo uno su sei di loro ha potuto continuare a lavorare senza apportare sostanziali modifiche alla propria organizzazione”. Una situazione drammatica, specialmente tra chi presta servizi alla persona, dal fotografo al massaggiatore, dal chinesiologo all’osteopata. Complessivamente il calo del fatturato nel 2020 è stato del 41,3 per cento. Per loro non sono arrivati neanche i ristori. Secondo l’indagine della Cna, il 56,4 per cento di professionisti non iscritti agli ordini, indica come maggior problema, proprio la perdita di fatturato, seguito dalla perdita della clientela per il 35,3 per cento. Per il 47 per cento di loro, altri scogli da affrontare sono rappresentati dai costi fissi. Affitti, bollette, tributi e contributi. Si tratta di spese ricorrenti acuite dall’inattività forzata e ne mettono a rischio la sopravvivenza. “Chiediamo attenzione – dichiara Otello Gregorini, segretario Cna Marche – per queste categorie di lavoratori dimenticati, esclusi da provvedimenti in grado di garantire sostegni di ampio respiro, per non soccombere di fronte alle conseguenze economiche provocate dal Covid”.

FONTE: https://www.ilrestodelcarlino.it/ancona/cronaca/massaggiatori-e-guide-rimasti-senza-indennizzi-1.5940469

© Riproduzione riservata

CON TARGA PROVA SOVRAPPOSTA (VIETATA) VALE SEMPRE RCA DEL VEICOLO 

Ordinanza 28433 2020 Cassazione: vietato sovrapporre la targa prova ai veicoli immatricolati responsabili in caso di sinistro

Dopo le circolari del Ministero dell’Interno e dei Trasporti arriva la conferma giurisprudenziale della Cassazione ribadita dall’ordinanza n. 28433 pubblicata il 14 dicembre 2020 dalla terza sezione della Corte di Cassazione. 
L’importanza della pronuncia

Una pronuncia che chiude inequivocabilmente l’argomento stigmatizzando l’errato utilizzo della targa prova, ancora molto diffuso, sui veicoli già immatricolati che in caso di sinistro devono rispondere con la copertura assicurativa della propria targa anche se circolano momentaneamente con targa prova sovrapposta. Gli ermellini non potevano utilizzare parole più dirette per mettere ordine su un tema molto dibattuto: «E se la targa di prova presuppone l’autorizzazione ministeriale, e se quest’ultima può essere concessa solo per i veicoli privi di carta di circolazione, ne consegue che l’apposizione della targa di prova sui veicoli già targati è una prassi che non trova riscontro nella disciplina di settore». Chiarendo anche la responsabilità in caso di sinistro: «Nell’ipotesi in cui un veicolo munito di carta di circolazione, regolarmente targato e quindi coperto dalla ordinaria assicurazione della responsabilità civile, venga posto in circolazione con l’apposizione di una targa prova, sovrapposta a quella ordinaria, troverà applicazione la garanzia del veicolo».

Il caso

La causa sottoposta al giudizio della Corte riguarda un sinistro stradale in cui un meccanico, dipendente di un’officina incaricata di verificare un guasto, aveva perso il controllo della vettura, già immatricolata, dotata di carta di circolazione ed assicurata per la RCA dal proprietario, ma per l’occasione, circolante con la targa di prova sovrapposta facente capo all’officina, causando la morte del conducente del veicolo con il quale si era scontrato.

di G. Begani, M. Schiavone e MR. OLIVIERO

Sorgente: CON TARGA PROVA SOVRAPPOSTA (VIETATA) VALE SEMPRE RCA DEL VEICOLO Assinews.it

ALTRO SULLO STESSO ARGOMENTO: https://www.altalex.com/documents/news/2020/12/24/targa-prova-puo-essere-apposta-solo-su-veicoli-senza-carta-di-circolazione

 

Incentivi ed Ecobonus auto 2021: la guida. Tutte le informazioni utili

Approvata in via definitiva la legge di Bilancio, che tra le altre contiene le norme che rimodulano e rifinanziano gli incentivi per l’acquisto di auto nuove.Tutti gli importi e le modalità di erogazione

Nuovi fondi per stimolare l’acquisto di veicoli

Incentivi auto, si riparte. La legge di Bilancio ha ricevuto il via libera definitivo da parte del Senato mettendo a disposizione nuovi fondi per stimolare l’acquisto di veicoli nuovi, purché siano a basso impatto ambientale. Tra i tanti provvedimenti contenuti nel testo economico, quelli dedicati all’automotive ridefiniscono anche la logica dei bonus, che negli ultimi mesi è stata più volte modificata seguendo il corso degli eventi. Una mossa attesa ed invocata a più riprese dalla filiera dell’auto, colpita duramente dalla crisi innescata dal coronavirus. Funzionale invece allo svecchiamento del parco auto circolante, condizione necessaria per poter pensare di ridurre le emissioni, aspirando così agli ambiziosi obiettivi che l’Unione Europea si è data: il 55% entro il 2030 e la neutralità carbonica nel 2050. Ecco perché, oltre all’Ecobonus destinato all’acquisto di auto elettriche ed ibride plug-in, viene concesso un incentivo anche a chi acquista un veicolo benzina, diesel, mild o full hybrid purché con livelli di CO2 inferiori ai 135 grammi ogni chilometro, a patto di rottamare una vecchia auto… Continua su https://www.gazzetta.it/motori/la-mia-auto/03-01-2021/incentivi-ed-ecobonus-auto-2021-guida-tutto-quello-che-serve-sapere-3902093978428.shtml

 

Andrea Tartaglia@andrea_tarta

Roberto Sticca nominato Chief Executive Officer di Ballsystem

Roberto Sticca è stato nominato Chief Executive Officer (CEO) di Ballsystem S.p.A, dopo aver ricoperto il ruolo di Direttore Operativo nella sua ultima esperienza in Alphabet Italia S.p.A (Gruppo BMW). Dal 1 gennaio succede a Francesco Mottola, che ha fondato e guidato l’azienda per oltre 30 anni, e che mantiene la carica di Presidente del gruppo Ballsystem

Roberto Sticca è stato nominato Chief Executive Officer (CEO) di Ballsystem S.p.A. assumendo la responsabilità dell’azienda dal 1 Gennaio 2021. Roberto, che ha ricoperto il ruolo di Direttore Operativo nella sua ultima esperienza in Alphabet Italia S.p.A (Gruppo BMW), succede a Francesco Mottola, che ha fondato e guidato l’azienda per oltre 30 anni, e che mantiene la carica di Presidente del gruppo Ballsystem.

Crescita ed espansione

Obiettivo chiave della strategia di crescita è confermare l’eccellenza operativa nel mondo dell’autoriparazione conseguendo un’ importante espansione territoriale in Italia e all’estero, rafforzando e sviluppando ulteriormente l’offerta dei servizi e garantendo una sempre maggiore efficienza, competitività e trasparenza a tutti i nostri clienti, consolidando in questo modo una visione Customer Centric che contraddistingue da sempre Ballsystem.

Francesco Mottola “Siamo entusiasti di avere a bordo una figura di spicco come Roberto, la sua expertise e la trasversalità acquisita in oltre 30 anni di esperienza nel settore automotive e non solo, rappresenteranno un ulteriore fattore di successo per Ballsystem”.

Roberto Sticca: “Nel corso della mia vita professionale ho avuto modo d’interfacciarmi ed operare con molte realtà multinazionali del settore automotive, ricoprendo crescenti ruoli di responsabilità e vivendo esperienze significative che mi hanno permesso di conoscere approcci e punti di vista diversi, permettendomi di apprezzare le cose giuste e di riflettere ed imparare da quelle sbagliate. Da tempo ho maturato la voglia di mettere questo mio bagaglio a disposizione di un entusiasmante progetto imprenditoriale e Ballsystem rappresenta ciò che stavo cercando”.

Sorgente: http://www.carrozzeria.it

AM Best: le top 10 compagnie assicurative mondiali

Best

AM Best ha posto il gruppo statunitense UnitedHealth Group e la tedesca Allianz come i maggiori assicuratori al mondo.

UnitedHealth Group ha conquistato il primo posto per il sesto anno consecutivo con 189,7 miliardi di dollari di premi netti sottoscritti nel 2019. Nel frattempo, Allianz SE e Prudential Financial sono balzate davanti ad AXA S.A. nel primo e nel secondo posto nella classifica di AM Best entro il 2019.

Le classifiche si basano sui dati di BestLink e su ulteriori ricerche, ha detto AM Best.

Ecco le prime dieci società del comparto assicurativo nel 2019 per raccolta premi:

UnitedHealth Group (US)
Ping An Insurance (Group) Company of China Ltd. (China)
AXA S.A. (France)
China Life Insurance (Group) Company (China)
Kaiser Foundation Group of Health Plans (US)
Anthem (US)
Allianz SE (Germany)
People’s Insurance Company (Group) of China Ltd. (China)
Assicurazioni Generali S.p.A. (Italy)
Centene Corporation (US)

I primi 10 assicuratori mondiali classificati 2019 con asset non bancari:

Allianz SE (Germany)
Prudential Financial (US)
AXA S.A. (France)
Berkshire Hathaway (US)
Nippon Life Insurance Company (Japan)
MetLife (US)
Legal & General Group (UK)
Ping An Insurance (Group) Company of China Ltd. (China)
Japan Post Insurance Co. (Japan)
China Life Insurance (Group) Company (China)

Fonte: Assinews.it

Esame Periti Assicurativi, ancora confermata la data del 13 maggio 2021

Ruolo dei Periti Assicurativi: la Prova di Idoneità – Sessione 2019 – avrà luogo il giorno 13 maggio 2021, alle ore 8:30

Confermata ancora oggi la data del previsto esame.
Come si legge dal sito Consap, “La prova di idoneità per l’iscrizione al Ruolo dei periti assicurativi – sessione 2019, indetta con provvedimento Consap n. 16 del 19.12.2019, avrà luogo presso il “Piano B” dell’Ergife Palace Hotel, sito in Roma, Via Aurelia n. 617/619, il giorno 13 maggio 2021, alle ore 8.30.”

Per accedere all’area riservata per candidati alla prova Clicca qui.

Per ottenere informazioni relativamente all’iscrizione al Ruolo e al tirocinio Clicca qui.

FONTE: https://www.consap.it/notizie/2020-11-09-ruolo-dei-periti-assicurativi-la-prova-di-idoneità-sessione-2019-avrà-luogo-il-giorno-13-maggio-2021-alle-ore-830/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: