Ad Eicma 2022 trionfa la mobilità urbana (elettrica) 

Ducati, Kawasaki, Zero Motorcycles, Honda, Suzuki, Triumph: i grandi marchi ci sono (quasi) tutti, e giocano ancora un ruolo importante. Ma ad Eicma 2022, l’edizione del metaverso, si fa sempre più spazio il motore elettrico, accompagnato dalla mobilità urbana con scooter elettrici sempre più sicuri, monopattini e bici.

IN QUESTO ARTICOLO

Ha aperto i battenti Eicma 2022, la 79esima edizione della Fiera del Ciclo e del Motociclo che come di consueto si tiene a Rho Fiera Milano.

Guarda 12 foto

I primi due giorni (8-9 novembre) sono dedicati a stampa e operatori del settore, mentre il pubblico potrà andare a visitare i 6 padiglioni dell’evento dal 10 al 13 novembre, con prezzi a partire da 19 € e apertura dalle 9.00 alle 18.30.

Leggi Anche: Tutti gli scooter da comprare con l’ecobonus moto

EICMA 2022: L’ELETTRICO COLPISCE ANCHE LE MOTO

Le moto sono ovviamente una parte fondamentale della fiera internazionale milanese, e non mancano i player principali. In particolare, quest’anno ha visto il ritorno di Ducati, grande assente del 2021, e che nel 2022 oltre a portare tutti i suoi prodotti (comprese bici e bici elettriche), coglie l’occasione per presentare al mondo la sua nuova Scrambler, definita “Land of joy” e in realtà una delle pochissime moto ancora endotermiche presentate all’evento.

Oltre a lei, fondamentalmente solo Suzuki e Honda hanno presentato una moto a motore a combustione. La prima ha lanciato la V-Strom 800DE, moto per i viaggi lunghi dai colori particolarmente vistosi. Honda invece ha lanciato la Transalp, per l’offroad. L’altra giapponese iconica, Kawasaki, punta sull’idrogeno e sull’elettrico, con la Kawasaki Z BEV e la Ninja a doppia batteria (in foto).

Presente anche la “Tesla delle moto”, Zero Motorcycles: la californiana che produce solo moto elettriche ad Eicma ha portato la nuova DSR/X, punta di diamante di una gamma che per il 2023 ha visto aggiornamenti tecnici e stilistici. La DSR/X è una moto di tutto rispetto, con motore elettrico da 100 CV e coppia di 225 N/m che assicura prestazioni davvero al top.

I cinesi non mancano, e come ormai sono entrati a gamba tesa nelle auto, da più tempo sono entrati nelle due ruote. Presente Voge con il suo grande stand e le sue moto endotermiche da viaggio.

Ma anche Horwin con la nuova gamma Senmenti (O e X), dall’azienda definita la prima “bio-macchina intelligente ad alte prestazioni”, con un inedito telaio integrato sviluppato internamente, che le permette sia di ottimizzare autonomia e prestazioni, sia anch di avere oltre 30 sensori e una tecnologia ADAS paragonabile a quella di un’automobile.

Anche CFMoto, sempre cinese, guarda alle emissioni zero, e ad Eicma presenta il suo nuovo marchio Zeeho, che ad Eicma lancia il suo scooter elettrico AE8+ dal design particolare, sportivo e con dotazione di alta qualità, tra cui l’impianto frenante firmato Bosch con ABS, luci full LED e tre modalità di guida selezionabili dall’interfaccia più moderna mai vista su un mezzo di questo tipo.

Leggi Anche: Arrivano le prime moto volanti di serie!

L’IMPORTANZA DELLA MICROMOBILITÀ

Ma se questa edizione di Eicma viene considerata quella del “Metaverso” un motivo c’è. E questo non solo perché c’è sempre più spazio per monopattini e scooter (questa era già una prerogativa di Eicma 2021, la prima edizione del cambiamento); ma anche perché sono presenti dei player insoliti: per esempio Aston Martin che porta una sua bici elettrica, ma coglie occasione per mostrare la splendida Valkyrie; o Stellantis, che partecipa con 2 marchi.

Citroën, infatti, ha portato ad Eicma la My Ami Buggy, nuova versione della sua microcar di successo che guarda all’adventure con un design ispirato ai fuori strada, con tetto in tela apribile, assenza di portiere e pneumatici dedicati. Fiat Professional, invece, mostra i suoi LCV elettrici, per dare il segnale che anche il trasporto logistico deve diventare green.

C’è poi il gruppo Piaggio che porta tutti i suoi marchi, da Moto Guzzi al marchio omonimo, con due edizioni speciali della Vespa, sia elettrica che a benzina. La prima, tutta bianca con fiamme aerografate, realizzata in collaborazione con Justin Bieber, il cantante pop ancora molto popolare tra i giovani (non dimentichiamoci che Piaggio è un brand che regna su TikTok); e poi, su un trono gigante, l’edizione che celebra l’anniversario dello scooter che ha creato gli scooter.

La svedese Cake, invece, torna dopo il suo debutto del 2021 con la sua idea innovativa di scooter sostenibili al 100 %, non solo perché elettrici, ma anche per l’uso di materiali riciclati e riciclabili. Ad Eicma, Cake porta tutta la sua gamma, dall’Osa al Makka, fino agli allestimenti specifici dedicati al B2B, per il delivery o per i piccoli artigiani.

Ancora, Wow, che amplia la sua gamma con il 778S, che si posiziona al di sopra dei 774 e 775. Sempre design squadrato, sempre batterie “a valigetta” con insolita posizione al posteriore, ed estraibili, ma si distingue per essere fondamentalmente il primo scooter elettrico che si può ricaricare alle colonnine pubbliche come le moto e le auto elettriche.

Infine, l’italianità che innova il settore dei monopattini, sempre più sicuri per andare anche oltre le nuove norme legati a questi mezzi. La prima viene dal Trentino, si chiama Linkable e ad Eicma presentaElisa, un monopattino che si fa notare per la sua pedana larga 25 centimetri che premette di tenere i piedi paralleli durante la guida, bilanciando meglio il peso. Si tratta anche di uno dei rari monopattini con manubrio ad altezza regolabile.

L’altro, invece, è il To.Tem Lynx, veicolo della start up torinese collegata al Politecnico di Torino, che punta tutto sulla sicurezza e la praticità. Ha infatti tre ruote, design solido e robusto, batteria estraibile integrata nel piantone e un’inedita retrocamera collegata allo smartphone, il quale si pone in un apposito alloggiamento e permette di vedere chi arriva da dietro limitando il rischio di incidenti anche gravi.

Roberto Mazza

Leggi Anche: 17 scooter elettrici per essere green

Sorgente: Ad Eicma 2022 trionfa la mobilità urbana (elettrica) | Fleet Magazine

 

Informazioni su APAID - Associazione Periti Auto Ispettori Danni

https://peritiauto.wordpress.com/periti-auto-per-provincia/liguria/genova/marino-roberto/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.