Risarcimento diretto Rc auto esteso: il no dei periti assicurativi 

Attacco frontale ai diritti degli automobilisti col risarcimento diretto Rc auto esteso: la denuncia di Luigi Mercurio, presidente Aiped (Associazione italiana periti estimatori danni)

Luigi Mercurio, presidente Aiped (Associazione italiana periti estimatori danni), all’attacco. Scende in campo per tutelare i diritti degli automobilisti: una bozza di disegno legge Concorrenza vuole estendere il risarcimento diretto Rc auto alle compagnie estere. Questo mina la libertà di scelta del consumatore.

Perché? Col risarcimento diretto – dice Mercurio – è la compagnia della vittima del sinistro a risarcire il cliente: il debitore fissa l’importo da liquidare al creditore. C’è una forte spinta delle lobby assicuratrici verso la canalizzazione forzata: la compagnia spinge l’automobilista danneggiato verso la carrozzeria convenzionata, che lavora a un prezzo della manodopera fissata dall’assicurazione.

Risultato: le compagnie controllano quanto più possibile il mercato della riparazione Rc auto. Imponendo franchigie e scoperti di dubbia validità a chi fa riparare la macchina dal carrozziere indipendente. Prassi che va contro le normative, contro la libera concorrenza, contro i princìpi del libero mercato.

Risarcimento diretto Rc auto esteso: che rischi

Se il disegno legge divenisse realtà, estenderebbe a tutte le imprese di assicurazione che intendono operare in Italia l’obbligo di aderire al sistema del risarcimento diretto: il consumatore – secondo Mercurio – perderebbe una grande opportunità: quella di rivolgersi alla compagnia fuori dal risarcimento diretto.

Ma qual è la soluzione ideale? Che la compagnia responsabile del sinistro rimborsi la vittima. Col carrozziere indipendente che ripara la macchina a regola d’arte, favorendo la sicurezza stradale: in particolare, i periti assicurativi, sempre in prima linea, promuovono questo aspetto a tutela della libera concorrenza.

E attenzione: “Il target delle lobby delle compagnie è ridurre il numero dei periti terzi e delle perizie imparziali – sostiene Mercurio -. Una forte spinta a ultra-velocizzare i rimborsi, verso il basso, a discapito di qualità e sicurezza stradale”.

Fin qui, l’opinione di Mercurio (Aiped). Da adesso, la nostra: a recitare un ruolo chiave è anche Federcarrozzieri (la Federazione dei carrozzieri indipendenti fondata da Davide Galli). La partita si gioca ora in Parlamento. A più ondate, in passato, le lobby assicuratrici hanno (legittimamente) pressato affinché venissero approvate regole su misura, in materia di rimborsi Rca. Per le auto e per le lesioni fisiche

Sorgente: Risarcimento diretto Rc auto esteso: il no dei periti assicurativi – MotoriSuMotori.it

Informazioni su APAID - Associazione Periti Auto Ispettori Danni

https://peritiauto.wordpress.com/periti-auto-per-provincia/liguria/genova/marino-roberto/

One thought on “Risarcimento diretto Rc auto esteso: il no dei periti assicurativi 

  1. Buongiorno Luigi, sono con te. Tienici informato su eventuali iniziative da intraprendere
    voelvo inoltre chiederti che novità cci sono per il disegno di legge sui periti ass.vi
    grazie e buon lavoro

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.