Conferimento incarichi CTU, violazione legge Gelli e proposte | Scisciano Notizie

“Ma i Presidenti dei Tribunali non dovrebbero vigilare sul comportamento anche dei Giudici di Pace ?”. Perché gli incarichi sono conferiti sempre alle stesse persone?.  Non è possibile che vi siano consulenti che hanno 100 incarichi e chi ne ha soltanto 2! Il controllo dovrebbe, altresì, riguardare anche le specializzazioni ed il Know How. A chi spetta il controllo ?, e ,soprattutto, esiste un controllo? Ci dovrebbero essere solo eccellenze!!

Napoli, 24 Gennaio –  La problematica avente ad oggetto, il ruolo , le competenze e le modalità di nomina dei consulenti tecnici di ufficio nell’ ambito del processo civile è stata gia’ affrontata, in tempi recenti, dagli avvocati Riccardo Vizzino ed Emma Vizzino, con Studio Legale Associato Vizzino, con un articolo pubblicato sul sito denaro.it, poiché essi sono  considerati particolarmente attenti alla situazione di degrado etico- morale in cui versa, in generale, il nostro Paese, ed in particolare, il sistema giudiziario. In particolare, il presente elaborato  vuole nuovamente richiamare l’ attenzione su uno dei principali aspetti che concorrono a determinare le vicende critiche del sistema giudiziario del nostro Paese che, purtroppo, non sempre riesce a tutelare l’ esercizio indipendente ed imparziale della Giurisdizione, né a garantire una corretta gestione dei suoi Uffici. Al giorno d’ oggi, il processo civile (come anche quello penale ed amministrativo) risulta sempre più caratterizzato dall’ “ipertecnicità” delle materie oggetto di indagine del giudice, tale da richiedere spesso l’intervento di professionisti portatori di nozioni diverse da quelle strettamente giuridiche, che richiedono un impiego di sapienze che vanno al di là della cognizione dell’uomo medio. Si crea, pertanto, la necessità di fare riferimento all’ apporto di cognizioni ampliative di soggetti esperti ed “esterni” come i Consulenti Tecnici di Ufficio, (CTU), i quali, con il proprio contributo professionale, contribuiscono alla decisione della controversia. Il ruolo del CTU diventa fondamentale nel processo civile, in virtù della preparazione tecnica e professionale di queste figure prestate a servizio della giustizia.

Nomina CTU: i requisiti e attribuzione degli incarichi.

L’ attività di tali consulenti deve essere svolta secondo i criteri dell’ imparzialità, trasparenza e terzietà, poiché in mancanza sarebbe compromesso l’ esito del giudizio e ciò inciderebbe sull’ effettiva tutela dei diritti ed interessi dei soggetti dell’ ordinamento. E’ importante, quindi, porre un’ adeguata attenzione e riflessione sul ruolo, le competenze e le responsabilità dei CTU al momento del conferimento degli incarichi di questi ultimi, auspicando che i Presidenti del Tribunali abbiano gli strumenti per svolgere una adeguata attività di vigilanza e di intervento sulle iscrizioni agli albi e sulle modalità di reclutamento dei ConsulentiTecnici di Ufficio, affinchè gli incarichi siano equamente distribuiti tra gli iscritti all’Albo. Infatti, proprio per garantire la competenza dei consulenti del Giudice, l’articolo 61 c.p.c. dispone che gli stessi debbano essere scelti tra le persone iscritte negli Albi speciali formati a norma delle disposizioni di attuazione del codice di procedura civile. In particolare, L’ Albo dei Consulenti Tecnici, il cui funzionamento è disciplinato dagli artt. 13-23 disp. att. c.p.c., presenta una suddivisione, seppure non tassativa,  ricomprendendo ulteriori aree specialistiche.

Tali Albi sono tenuti da un apposito Comitato composto dal Presidente del Tribunale  (anche nel caso di Tribunale suddiviso in sezioni) e dal Procuratore della Repubblica, ovvero da un loro delegato, e dal rappresentante dell’ ordine professionale di volta in volta interessato. Il Comitato provvede all’ iscrizione degli aspiranti, alla revisione periodica quadriennale dell’Albo ed alla irrogazione di sanzioni disciplinari.

Al momento dell’iscrizione all’ Albo, il consulente assume due obblighi fondamentali, quello di conservare i requisiti di speciale competenza e della specchiata moralità, la quale sarà oggetto di controllo in sede di revisione dell’Albo, e quello di adempiere fedelmente le funzioni affidategli al solo scopo di far conoscere al giudice la verità , il quale rappresenta anche il contenuto del giuramento del consulente disciplinato dall’ art. 193 c.p.c .Orbene, è fondamentale che, il CTU, in qualità di ausiliario del giudice, sia al pari del magistrato, imparziale, attento e scrupoloso, e conosca i doveri connessi allo svolgimento dell’ incarico, la cui violazione può dare luogo a responsabilità civile, penale e disciplinare. Di fondamentale importanza è anche l’art. 23 disp. att c.p.c., così come modificato dal comma 1 dell’ art. 52, l. 18 Giugno 2009, n.69, il quale prevede che il Presidente del Tribunale vigila affinchè, senza danno per l’ amministrazione della giustizia, gli incarichi siano equamente distribuiti tra gli iscritti all’albo in modo tale che a nessuno dei consulenti iscritti possano e… continua a leggere in Sorgente

Sorgente: Conferimento incarichi CTU, violazione legge Gelli e proposte | Scisciano Notizie

Informazioni su APAID - Associazione Periti Auto Ispettori Danni

https://peritiauto.wordpress.com/periti-auto-per-provincia/liguria/genova/marino-roberto/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.