Non solo Periti Assicurativi

Prima del Ruolo dei Periti Assicurativi istituito nel 1992 con una legge oggi sostituita da 5 articoli del codice delle assicurazioni, per i Periti Auto esisteva il riconoscimento delle Camere di Commercio.

Dopo un esame della documentazione prodotta è ancora possibile iscriversi nella relativa categoria presso tutte le C.C.I.A.A. dove esiste il Ruolo dei Periti e dove sono registrati tutti i periti e gli esperti di tutte le categorie merceologiche.

Gli esperti di valutazione dei danni auto sono alle categorie 43 e 44 ed ancora oggi il Ruolo Camerale è attivo ed esistono Collegi locali che curano gli interessi degli iscritti.

A titolo di esempio si allega il Ruolo dei Periti della Camera di Commercio di Genova qui e si indica il sito del Collegio Ligure Periti ed Esperti qui .

Per ulteriori info non esitate a scrivere nei commenti o contattare direttamente la segreteria del Collegio info@collegioligureperiti.it

Informazioni su APAID

https://peritiauto.wordpress.com/periti-auto-per-provincia/liguria/genova/marino-roberto/

6 thoughts on “Non solo Periti Assicurativi

  1. Per cortesia, io sono stato costretto ad affrontare il certo non facile esame Consap a Roma proprio perché dalla camera di commercio mi è stato detto a chiare lettere che l’iscrizione che avevo come perito ed esperto è stata di fatto depennata. Ora apprendo che sarebbe funzionale da qualche parte? Vabbè, dovrei arrabbiarmi. Ma ormai ho capito che ne spunta una nuova a ogni piè sospinto. Per svolgere la professione di perito assicurativo nel modo efficace serve una sola cosa: CULTURA. E la suddetta non la si incastona in un titolo o in una iscrizione che alcuni hanno ottenuto studiando duramente, mentre altri l’hanno acquisita entrando in una specie di sanatoria all’”italiana”. È democrazia, questa?

    "Mi piace"

    • Carlo hai perfettamente ragione. Un’altra stortura e’ proprio quella che alcuni hanno dovuto sostenere un esame, mentre altri sono PERITI, per grazia ricevuta. E’ un paese bellissimo il nostro……..Ma poi Consap a noi a cosa serve? Non si interessa della professione, non si interessa della formazione, non si interessa di nulla, tranne che per i 70 euro annui da pagare

      "Mi piace"

      • Ciao Felice,
        Parliamo la stessa “lingua”, in effetti. A mio giudizio Consap dovrebbe imporre anche ai periti entrati in sanatoria nella “generosa” legge del ’92 di sostenere il difficile esame. È una questione di correttezza verso tutti, oltre che un’occasione per i suddetti di aggiornarsi. Inoltre suggerirei a Consap di impegnarsi di più verso i propri iscritti, non fosse per recuperare quella credibilità che in molti, a quanto mi risulta, hanno perso. E ciò mi dispiace, perché in fondo, studiando per sei lunghissimi mesi i malefici quiz, approfondendo ogni concetto a parte (perché io amo farmi del male da solo), ho impinguito il mio bagaglio tecnico e fatto tesoro di alcune cose che ignoravo. Pertanto nel complesso l’esame mi è stato utilissimo, ne sono uscito un perito migliore di prima e con una voglia matta di impegnarmi ancora di più. Sarebbe bello se Consap indicesse almeno una volta all’anno qualche corso di aggiornamento obbligatorio per tutti i periti, in tal modo cresceremmo culturalmente tutti insieme, come una grande famiglia. Nel mezzo ci infilerei anche un necessario master di scrittura, laddove sapere impostare in un italiano decente una relazione tecnica è la regola che viene prima di tutto. Se fai il CTU, e non sai esprimere i tuoi concetti tecnici in modo sintetico e oggettivo, non vai da nessuna parte. Quando parlavo di cultura nel messaggio precedente, mi riferivo a questo. Puoi vantarti di avere il titolo professionale, di essere annoverato in un albo prestigioso, ma se poi scrivi strafalcioni uno dopo l’altro, perdi la tua credibilità in un nanosecondo. Sei un dilettante nonostante, capisci? Suggerirei a Consap, inoltre, di evitare di far sentire i propri iscritti come un Professionista di serie B nei confronti di chi, iscritto in un altro qualsiasi albo, gode della possibilità di avere la firma digitale per diritto di iscrizione. Come vedi, caro Felice, sono propositivo: aggredisco, ma per il bene comune do consigli. Cerco di essere costruttivo e non distruttivo. Tanto, se Consap non provvede, io gli scrivo a tale riguardo. Il mio terzo nome (allorché ne ho già due) è rompiscatole 

        "Mi piace"

    • Buongiorno Perito Ragonese, Perito Assicurativo è quello che per legge deve effettuare le stime dei danni conseguenti agli incidenti stradali derivante dall’assicurazione obbligatoria (oltre alle compagnie di assicurazione, vedi ultima modifica alla legge). Per tutti gli altri casi le perizie o le stime può farle chiunque, meglio se riconosciuto da qualche ente, pubblico o privato che sia. Pertanto scuole, camere di commercio, enti di certificazione o associazioni si sentono autorizzate a ricooscere altre forme di periti ed esperti.

      "Mi piace"

      • Conosco benissimo la legge del perito assicurativo, non per nulla ho superato l’esame, senza contare che opero nel settore da almeno una ventina d’anni. Riguardo all’iscrizione alla Camera di Commercio, come dicono dalle mie parti, io sto vendendo dal funerale, quindi ho visto il morto. Nel commento precedente mi chiedevo solo com’è possibile che a Catania abbiano depennato l’iscrizione all’albo dei periti ed esperti relativa alla tecnica assicurativa (ho ancora il documento che lo attesta e se vuole glielo invio) e in altre città sia invece oggi operante. Inoltre anch’io ho letto (peraltro avendolo dovuto studiare!) che solo i periti assicurativi possono effettuare le stime dei danni conseguente ai sinistri stradali derivanti dall’assicurazione obbligatoria. Ma le cose nella realtà sono diverse. Cambieranno? Sì, dopodomani.

        "Mi piace"

  2. Purtroppo il ruolo del Perito, e’ stato nel tempo inglobato dalle mandanti voraci, senza che nessuno muovesse un dito e soprattutto accettando tutte le richieste scellerate, arrivando oggi a rappresentare dei rami secchi da “tagliare”. Il Perito non e’ mai stato incline al dialogo tra simili, ma ha sempre ragionato da singolo, in un mercato di “bestie feroci”. Cosi’ finisci in pasto al piu’ forte e piu’ grosso……

    "Mi piace"

Rispondi a APAID Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.