Salerno truffa alle assicurazioni, 18 indagati

Diciotto indagati, di cui otto con l’accusa di associazione a delinquere e gli altri dieci quali meri partecipanti alla truffa: sono i numeri della nuova inchiesta sui falsi incidenti, che ieri mattina ha portato al sequestro di pratiche cartacee e documenti informatici in alcune abitazioni di Salerno e provincia. Nel mirino degli inquirenti sono finiti avvocati, periti assicurativi, procacciatori e clienti. Secondo la Procura si sarebbe creato un gruppo che organizzava a tavolino le denunce di sinistri stradali, truffando le compagnie assicurative e incassando risarcimenti non dovuti che potevano poi essere divisi tra i partecipanti al raggiro. A questo nucleo centrale si aggiungevano clienti più o meno occasionali, che secondo le indiscrezioni sarebbero risultati o coinvolti negli incidenti oppure “arruolati” nella qualità di testimoni. Il sostituto procuratore Marco Colamonici, che coordina l’inchiesta, ha formulato per otto persone l’ipotesi di reato di associazione a delinquere finalizzata alla truffa: sono Melinda Cataldo di Montecorvino Pugliano, Daniele Alfano di Pontecagnano Luca Vietri di Giffoni Sei Casali, e i salernitani Cinzia Mutariello, Giovanni Botticchio, Matteo Rago, Mario Tucci e Maria Cristina Potente, quest’ultima (difesa dall’avvocato Alfonso Botta) già coinvolta nell’affare delle richieste di risarcimento al Comune con lo studio legale Pierro-Naddeo, per il quale il processo è ancora in corso. A questi otto nomi che per gli inquirenti rappresentano il fulcro del raggiro, si aggiungono altri dieci indagati solo per truffa, per i quali si esclude che abbiano fatto parte in maniera stabile di quella che gli inquirenti qualificano come una struttura associativa dedita all’illecito: Mariabarbara Vacchiano di Pontecagnano, Matteo Rispoli nato a Salerno ma residente a Nocera Inferiore, Roberto Mercadante di Pontecagnano e i salernitani Domenico Rispoli, Pasqualina Lammardo, Massimiliano Mari, Gaetano Liguori, Veronica Avallone, Manuele De Risi e Michele Sica. Gli episodi contestati dalla Procura sono avvenuti tra Salerno e Pontecagnano, con la denuncia alle compagnie assicurative di incidenti stradali che secondo la Procura esistevano solo sulla carta. L’inchiesta penale è stata aperta nel 2014, dopo le segnalazioni di istituti d’assicurazione, ma le vicende riguarderebbero anche anni precedenti e secondo il magistrato l’organizzazione di alcuni illeciti sarebbe tuttora in corso di consumazione. Ieri, con le perquisizioni domiciliari affidate alla polizia postale, gli inquirenti hanno acquisito tutta la documentazione cartacea e informatica sulle pratiche di sinistro, cercando elementi di prova alla ricostruzione accusatoria. Non è la prima volta che nel corso degli ultimi mesi la Procura accende i riflettori sulle truffe assicurative. Meno di due mesi fa il giudice dell’udienza preliminare Vincenzo Di Florio ha rinviato a giudizio – su richiesta del pubblico ministero Colamonici – sette persone che in quattro mesi avevano presentato alla compagnia di assicurazione “Rsa- Sun insurance office” tre richiese di risarcimento ritenute tutte fasulle, in favore di persone che dichiaravano di essere state investite sulle strisce pedonali. Nello scorso agosto sempre lo stesso magistrato ha firmato un avviso di conclusione delle indagini per un giro di sinistri simulati organizzato tra Salerno e la Valle dell’Irno, con ventiquattro indagati e la contestazione di dodici episodi. E a fine ottobre è stata la Direzione distrettuale antimafia a puntare l’indice su una truffa organizzata nella zona dei Picenti, con l’arresto di un avvocato salernitano e di due colleghi di Giffoni. Clamy De Maio, La Citta Salernohttp://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.positanonews.it//articolo/158012/salerno-truffa-alle-assicurazioni-18-indagati&appId=525466710869318&layout=standard&action=like&show_faces=true&height=25&like=true&share=true

Informazioni su APAID

https://peritiauto.wordpress.com/periti-auto-per-provincia/liguria/genova/marino-roberto/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.