Tecnico degli incidenti stradali: pubblicata la norma nazionale UNI 11294

Immagine     La norma, che ritira e sostituisce la UNI 11294:2008 e della quale abbiamo preannunciato la pubblicazione fin dal 2013 (>> VAI ALL’ARTICOLO), è relativa alla qualificazione dei tecnici per la ricostruzione e l’analisi degli incidenti stradali e ne specifica requisiti di conoscenza, abilità e competenza.

La norma stabilisce un minimo di competenze per la qualificazione dei tecnici che effettuano la ricostruzione degli incidenti stradali, delle cause tecniche che li hanno determinati e dei comportamenti delle persone coinvolte nell’evento.

UNI 11294:2015 “Attività professionali non regolamentate – Qualificazione dei tecnici per la ricostruzione e l’analisi degli incidenti stradali – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”

Euro 46,00 + iva (in lingua italiana)

La norma, disponibile sia in formato elettronico che in formato cartaceo, sarà scontata del 15% ai soci effettivi.

La norma UNI 11294 è contenuta negli abbonamenti all’OT U71 e alla SC U7100 relativi alla commissione tecnica Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture.

Per informazioni:
Settore Vendite
Tel. 0270024200 (call center dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì)
Email: diffusione@uni.com

Informazioni su robertomarinoge

http://wp.me/P2HmWw-1Z

One thought on “Tecnico degli incidenti stradali: pubblicata la norma nazionale UNI 11294

  1. Mario Gatti
    30 aprile 16.42.47
    cortesemente, vorrei sapere se questa è una nuova figura professionale o è sempre il perito che cambia
    http://www.lavoripubblici.it/dettaglioNotizia.php?id=15036

    Periti Auto
    1 maggio 9.39.09
    Il perito ricostruttore è una figura professionale spesso sovrapposta a quella del perito assicurativo, ma esistono molti casi di buoni esperti in ricostruzione cinematica di incidenti stradali che non sono periti assicurativi. Il caso più diffuso è quello di ex agenti di polizia stradale o infortunistica delle varie polizie locali o carabinieri che abbandonata la divisa diventano consulenti in questa materia.
    Altri sono periti industriali o ingegneri che si sono specializzati di dinamica e cinematica.
    La regolamentazione UNI tende di uniformare la formazione di tutte queste figure professionali che hanno un ruolo sociale molto delicato, come spiegato nell’articolo.
    Spesso i giudici nominano anche graduati ancora in forza. Resta cioè il fatto che il giudice può nominare chi vuole in surroga della sua esperienza quale Iudex peritus peritorum. Questo è un brocardo latino che significa “Il giudice è il perito dei periti”. Il giudice, infatti, non è vincolato al risultato della perizia potendo discostarsi o disattendere del tutto le conclusioni cui è giunto il perito. In questo caso deve dare una motivazione adeguata della sua scelta (cfr. Cass., sez. IV, 13 dicembre 2010). ll giudice, inoltre, può aderire alle conclusioni cui è giunto un consulente di parte oppure può nominare un nuovo perito (cfr. Cass., sez. I, 8 maggio 2003).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.