Incidenti stradali Puglia in testa È boom di falsi sinistri

Spetta alla Puglia la maglia nera per il maggior numero di incidenti stradali con feriti. Lo racconta la relazione dell’associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (Ania) in una relazione pubblicata il 25 giugno 2013 sulla situazione degli ultimi anni vissuti dalle compagnie in Italia. Nella classifica nazionale sul numero di «sinistri con lesioni » avvenuti tra il 2009 e il 2011, le province pugliesi occupano addirittura le prime quattro posizioni: al vertice c’è la provincia di Taranto, seguita da quella brindisina, poi la provincia di Foggia e al quarto posto quella di Lecce. Bari si piazza al nono posto, mentre la Bat è 11esima.

Stando ai numeri si potrebbe dedurre che nelle strade pugliesi il rischio di essere coinvolti in incidenti è decisamente più alto che in altre province d’Italia. In realtà su questo dato incide pesantemente il fenomeno degli incidenti falsi. Sinistri fasulli studiati molto spesso tavolino per ottenere i rimborsi dalle compagnie. Un illecito che negli anni ha raggiunto livelli incredibili e che, soprattutto, è diventato il business preferito di vere e proprie holding del malaffare. A testimoniarlo, ad esempio, ci sono le numerose inchieste che a Taranto hanno coinvolto circa 500 persone tra automobilisti, periti, medici e avvocati. Organizzazioni, insomma, che secondo le indagini condotte dalla squadra di polizia giudiziaria della Polizia Stradale di Taranto si sono dedicate «stabilmente alle truffe ai danni delle società di assicurazioni». C’era chi reperiva le auto, chi si occupava delle pratiche legali, chi si interessava delle diagnosi e chi, infine, provvedeva a liquidare il danno.

Un sistema che, di fatto, ha messo in ginocchio le compagnie che hanno dovuto alzare i prezzi delle tariffe che nel capoluogo ionico, ad esempio, sono mediamente doppie rispetto al resto d’Italia. Dopo l’intervento della magistratura, il fenomeno, sembra decisamente in calo, ma le tariffe restano comunque alte, perché gli automobilisti meno abbienti hanno scelto di circolare senza copertura e i danni causati da veicoli non assicurati vengono risarciti dal Fondo vittime della strada che attinge a sua volta dalle compagnie che, infine, si rifanno sugli automobilisti. Un cane che si morde la coda, insomma, e alleggerisce le tasche dei cittadini onesti.

di FRANCESCO CASULA 

Informazioni su APAID

https://peritiauto.wordpress.com/periti-auto-per-provincia/liguria/genova/marino-roberto/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.