SCATOLE NERE: ECCO COME SARANNO

Assicurazioni

Passo in avanti verso l’introduzione della cosiddetta scatola nera sui veicoli. Sulla Gazzetta Ufficiale del 5 febbraio scorso è stato pubblicato il decreto del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti recante “Individuazione dei meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo”. Per carità, siamo lontanissimi dall’introduzione dell’obbligatorietà della scatola nera e lo stesso decreto non è operativo, visto che la sua entrata in vigore è “subordinata alla emanazione del decreto del Ministro dello sviluppo economico” … “nonché del regolamento Isvap (sic)” relativo. Però la norma mette i primi paletti. Vediamoli uno per uno.

Definizione
Le scatole nere, o più propriamente i “meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo”, sono “dispositivi sigillati, alimentati e solidalmente ancorati a elementi fissi e rigidi del veicolo stesso”.

Caratteristiche
Le scatole nere devono avere le seguenti caratteristiche:
– consentire la determinazione continuativa nel tempo di posizione e velocità del veicolo;
– consentire la determinazione continuativa nel tempo del profilo accelerometrico del moto del veicolo;
– consentire la diagnostica da remoto dell’integrità funzionale del dispositivo;
– garantire l’incorruttibilità del dato raccolto con una percentuale superiore al 99%;
– consentire la tempestiva individuazione di malfunzionamenti o di tentativi di manomissione fisica o logica non autorizzati;
– consentire la trasmissione wireless bi-direzionale con altri dispositivi installati a bordo del veicolo;
– consentire la trasmissione periodica sicura delle informazioni immagazzinate.

Dotazione
All’interno delle scatole nere devono essere presenti:
– un ricevitore elettronico GPS, compatibile con il nuova sistema europeo Galileo, per la geo-radiolocalizzazione terrestre tramite rete di satelliti artificiali;
– un accelerometro triassiale con bassa distorsione, elevata tolleranza agli shock, stabilità termica;
– un dispositivo di telefonia mobile Gprs per la trasmissione dati tramite rete Gsm-Umts;
– un banco di memoria flash e uno di memoria Ram per la memorizzazione dei dati raccolti nell’intervallo di tempo intercorrente tra due trasmissioni successive dei dati;
– un dispositivo di comunicazione wireless bi-direzionale con antenna integrata dedicato alla comunicazione con altri dispositivi installati a bordo del veicolo;
– una batteria ricaricabile.

Decreto successivo. Come detto, questo provvedimento, oltre a non essere ancora in vigore, è solo il primo passo di un iter normativo che prevede un successivo decreto del ministero dello Sviluppo economico e, soprattutto, del regolamento Ivass (ex Isvap) sulle “modalità di raccolta, gestione e utilizzo, in particolare ai fini tariffari e della determinazione delle responsabilità in occasione dei sinistri, dei dati” raccolti dalle scatole nere, nonché le modalità “per assicurare la loro interoperabilità in caso di sottoscrizione, da parte dell’assicurato, di un contratto di assicurazione con impresa diversa da quella che ha provveduto a installare tale meccanismo”.

Mario Rossi

Informazioni su APAID

https://peritiauto.wordpress.com/periti-auto-per-provincia/liguria/genova/marino-roberto/

One thought on “SCATOLE NERE: ECCO COME SARANNO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.